Please another book

COVER REVEAL: Tied (Tangled #4) by Emma Chase

Giornata di cover reveal, e anche questo sicuramente è nel mio cuore, perchè il quarto volume di una serie che ho imparato ad amare piano piano… con un gusto mai visto. E tra l’altro si torna alle origini, sono quindi ancora più contenta di presentare questa cover.

Sto parlando di niente poco meno che TIED il quarto volume della serie iniziata con TANGLED della mitica Emma Chase.

E vediamola subito questa copertina:

 

 

Di cosa parla il libro?

Drew e Kate non possono spettare di stringere il nodo – sempre se riescono a sopravvivere alle festività pre-matrimonio.

Per la maggior parte della mia vita, non avevo mai immaginato di sposarmi. Ma Kate ha compiuto l’impossibile: mi ha cambiato. Penso che possiamo trovarci tutti d’accordo con il dire che ero veramente meraviglioso prima, ma ora sono anche meglio.

La strada che ci ha portati a questo giorno non è stata tutti arcobaleni ed erezioni. Ci sono stati errori e fraintendimenti degni di una tragedia greca. Ma io e Kate siamo riusciti a superare tutto con l’inesauribile attrazione, l’ammirazione senza legami e l’amore duraturo per l’altro intatti.

Detto questo, ci sono stati alcuni incidenti inaspettati a Las Vegas lo scorso weekend che potrebbero rappresentare un problema. È come un… test finale.

So cosa state pensando – che diamine hai fatto questa volta? Rilassatevi. Non giudicate o dichiarate di volermi castrare, finché non avete ascoltato tutta la storia.

E tenetevi forte, perché siete a bordo di un giro a tutta velocità. Vi sareste mai aspettati niente di meno?

 

Pronti per leggere questo libro??? Non dovete far altro che aspettare il 7 ottobre e intanto potete aggiungerlo su GOODREADS e preordinarlo:

Amazon  |  B&N  |  iTunes

 

LA SERIE:

- Tangled: Drew & Kate Drew’s pov à In italiano Non Cercarmi mai più

- Holy Frigging Matrimony (novella) Drew’s pov  à In italiano Dimmi di si

- Twisted: Drew & Kate Kate’s pov à In italiano Cercami ancora  22 maggio

- Tamed: Matt & DeeDee Matt’s pov  15 luglio

- Tied: Drew & Kate Drew’s pov  7 ottobre

COVER REVEAL: Intoxicated (The Billionaire Bachelors Club #3,5) by Monica Murphy

Sono molto contenta di prendere parte a questo cover reveal, sia perchè adoro MONICA MURPHY, sia perchè The Billionaire Bachelors Club è una serie esplosiva che ho davvero adorato immensamente anche se devo ancora leggere “Savor”, il libro su Matt, shame on me.

Il libro di oggi, è una novella che chiude il cerchio INTOXICATED

E vediamola subito la copertina:

 

 

 

Di cosa parla?

È il matrimonio di Gage e Marina, ma la benedizione del matrimonio sembra molto lontana: Ivy è appena entrata in travaglio. Marina ha perso la sua damigella d’onore. E Bryn non parla con Matt.

Sta a Archer, Gage e Matt essere sicuri che il giorno prosegua senza intoppi. Ma tra spose e bambini, c’è ancora il piccolo problema della scommessa da un milione di dollari da risolvere. Se solo potessero capire chi ha vinto… e chi deve pagare. O tutti sono vincitori? O qualcuno ne  uscirà distrutto – e con il cuore spezzato?

 

Non vedo l’ora di metterci le mani sopra, peccato che esca solo il 17 GIUGNO, ma intanto potete aggiungerlo su GOODREADS o preordinarlo:

AMAZON US  |  AMAZON CAN  |  AMAZON UK  |  BARNES AND NOBLE  |  iTUNES

 

E ora pronti per leggere un piccolo estratto?

Tre…

Due…

Uno…

 

“I’m going to have a baby,” Ivy declares as she stops directly in front of me. Well, her belly stopped directly in front of me, the rest of her soon follows.

Yes, indeed, my wife is definitely going to have a baby. Soon.

I’m getting ready—staring at the mirror as I mess with my tie, making sure it’s perfect—when she approaches me. I shoot her a grin, feeling good, feeling on top of my game. Life couldn’t get any better, you know? We’re celebrating today and with good reason.

“I know, sexy mama.” I turn away from the mirror and wink at her. “Trust me, I haven’t forgotten that I’m the one who knocked you up.”

She stares at me, no reaction to my wink or my words. She usually slaps my ass and kisses me. Says something sarcastic at the very least. But I’m getting nothing. And it’s kind of disconcerting. “Archer. I’m dead serious. I’m going to have the baby.”

“I know, babe. And I can’t freaking wait.” I study her, noticing that she looks a little pale and her pupils are dilated. Hmm. “You feeling okay?”

Rolling her eyes, she rests her hand on top of her protruding stomach, rubbing it absently. Then not so absently. As in, she’s clutching her belly like she’s in pain. “I’m in—” She sucks in a harsh breath, holding it for a few seconds. “—labor, damn it.”

 

 

 

 

 

Volete sapere qualcosa di Monica Murphy?

L’autrice bestselling per il New York Times e USA Today Monica Murphy è nativa della California e vive nelle colline sotto lo Yosemite. Moglie e madre di tre bambini, scrive New Adult e contemporary romance per Bantam e Avon.

Dove trovarla:

Website | Blog | Twitter | Facebook | Goodreads | Amazon

 

LA SERIE:

 

 

- Crave  Archer & Ivy

- Torn  Gage & Marina

- Savor Matt & Bryn 

Albion di Bianca Marconero

 

“E come facciamo ad entrare? Diciamo apriti in elfico?”

“Sai dire apriti in elfico? Sono impressionato.” Disse Erek, versando il caffè.

 

“Albion” è il primo volume di una serie, tutta italiana, di Bianca Marconero, una scrittrice davvero promettente, che mi ha sconvolto con la sua bravura. Mi sono avvicinata a questo volume solo ed esclusivamente per la copertina, che mi aveva incantata sin dalla prima volta in cui l’avevo scorta. Si tratta di un urban fantasy, young adult, dalle tinte apparentemente già osservate ma che realizza orbite mai considerate. Le leggende di Re Artù fanno da filo, per intessere una storia mitica. Francamente io non ne sono particolarmente interessata, ma la Marconero è riuscita a caratterizzare una serie di personaggi interessanti e palpitanti e una storia che vive di vita propria.

 

Marco Cinquedraghi è un ragazzo privilegiato, ma non fortunato. Cresciuto senza madre, privato del fratello maggiore, morto misteriosamente, il giorno del funerale del nonno riceve la notizia che gli sconvolgerà la vita: dovrà partire per l’Albion college, la misteriosa scuola in cui, da sempre, si diplomano i Cinquedraghi. Ma il blasonato collegio svizzero riserva non poche sorprese: si studia il sassone, ci si confronta, lance in resta, in turni di giostra. E tra un duello con spade antiche e possenti e lezioni di filologia romanza, tra la scoperta di mistici poteri e occulte organizzazioni che tramano nell’ombra, Marco scoprirà che gli amici si trovano là dove meno te lo aspetti e che l’amore vero vale il più grande dei sacrifici. Nell’ombra di un guerriero leggendario. Nell’eco di un amore indimenticabile. Nel ridestarsi di amicizie che superano i confini del tempo e nell’arcano potere del più grande tra i maghi, Marco Cinquedraghi dovrà trovare il coraggio per affrontare un destino di gloria e sacrificio. L’eredità del più grande dei re!

 

Tutto inizia da una ragazzo, da un funerale con un chiaro intento, quello che sconvolge tutta la sua esistenza così come l’ha conosciuta. “Fine è solo il nome che diamo all’inizio di qualcosa di nuovo.” E allora Marco è pronto per catapultarsi in una nuova avventura, un viaggio che non è solo formazione ma è anche sbagli e lotte. La narrazione in terza persona ci mostra prospettive differenti a seconda delle esigenze di trama, ma è comunque il giovane Cinquedraghi ad avere il maggior spazio. Non è il classico eroe dei libri, il ragazzo amabile e positivo con cui identificarsi fin da principio. Non è sfigato, non è brutto, non è povero, anzi, Marco avrebbe tutte le caratteristiche per essere un invidiabile ragazzo di diciassette anni, eppure… eppure seppur odiosamente presuntuoso come solo un maschio italiano e altolocato sa essere Marco ha qualcosa di speciale. È un ragazzo che soffre, che si ingarbuglia, che fatica a trovare la sua strada.

“Non si deve scappare dal dolore.” Commentò Angus, “lui ti trova. E più lo hai eluso, più morde. Mi dispiace che l’abbia appreso in questo modo. Ma dopotutto lei è davvero giovane, e ogni volta che impara qualche verità di questa portata cresce e si avvicina a essere un uomo.”

Il dolore, il lutto, l’affrontare sé stessi e le proprie debolezze, è da qui che si parte, da quell’inflessibile scorrere del tempo, quella punta di freccia che non lascia scampo a nessuno. Perché quando arriva, arriva per tutti. Ma è proprio questo quello che accomuna tutti personaggi del libro, quello che fa da fil rouge alla storia. Tutti hanno qualcosa da nascondere, tutti devono fare i conti con una perdita personale. È qualcosa di sconvolgente, come in un qualche modo assurdo, i rapporti veri, quelli più sinceri e incredibili, nascono dalle ceneri di una perdita, dal dolore di una sconfitta, dallo strappo generato da qualche errore.

Affannarsi a esibire il dolore era una vanità senza senso, perché il dolore vero, poi, nessuno lo voleva.

Non ci sono geometrie semplici, lo stesso Marco è arzigogolato e contraddittorio, è uno di quei personaggi dietro cui imprechi disperatamente ma alla fine ti ritrovi a considerare con un occhio più indulgente, proprio perché vero, reale. Quando leggi i suoi pensieri ti ritrovi a chiudere un occhio, a pensare che, in qualche modo, è plausibile. Marco non è uno di quei protagonisti di young adult che sembra troppo sofisticato e perfetto, Marco è uno di noi, uno che deve lottare per ottenere ciò che vuole.

Ma ciò che è importante in questo libro è la battaglia che si viene a delineare man mano che passano i giorni, le settimane, man mano che i nostri pronti eroi, eroi improvvisati, non compiacenti, che vengono trascinati nel mezzo di una situazione che non si sarebbero mai immaginati. Non solo una battaglia epica, quella annosa tra bene e male, che si alimenta e fagocita la speranza, ma una battaglia quotidiana e preziosa che si svolge nelle mura della scuola. E proprio la prima parte del libro è concentrata nell’ambientarsi di Marco all’Albion, nello scoprirne le abitudini e le regole.

Colpisci per uccidere. È solo così che  si resta vivi fino all’Albion.

Gli adolescenti non sono dei tipetti semplici e se poi li metti a studiare la filologia romanza o le regole della scherma, per uno sviluppo sia fisico che mentale. I ragazzi sono sottoposti ad una pressione feroce e imprevedibile, a regole severe e comportamenti indicibili. Da questo punto di vista la Bianconero è stata veramente straordinaria nel delineare una psicologia azzeccatissima e una caratterizzazione approfondita che hanno sicuramente aiutato ad avvicinarsi, in maniera diversa ai vari protagonisti, dall’altra parte però rallenta molto la narrazione, che un po’ si perde nei molti momenti legati alla vita nel college e manca di verve.

“Sconfiggere un nemico non significa sconfiggere il male. E suo nonno sapeva bene che il male non muore mai.” disse, con l’aria di rivelargli un grande segreto. “Ma per nostra fortuna anche la sua antitesi è immortale. Il bene è un’araba fenice che risorge dalle proprie ceneri”

Ma l’Albion è prima di tutto tradizione, una tradizione che si perde nella notte dei tempi, che si lega a miti e leggende che alimentano l’immaginario collettivo di cavalieri, re e guerrieri. Tradizioni che sono state contaminate e cambiano, vorticosamente, lasciandosi a sedimentare negli opportunismi e nei voleri del singolo, ma d’altronde Erek aveva ragione. L’onore era un’altra cosa.

Non solo Marco quindi, ma anche e soprattutto i ragazzi dell’ala est che si distinguono per le loro straordinarie capacità e il loro spirito di sacrificio. A cominciare da Deacon il genio dei computer, spiritoso e sarcastico, intelligente e remissivo, il vero leader, ma allo stesso tempo così bonariamente genuino da lasciare interdetti. Helena, con la sua passione per i racconti cavallereschi e il suo spiccato spirito di sacrificio, che si perde nelle sue contraddizioni e nelle sue lente scoperte. Certo, colei che tiene insieme le fila della romance, la bella di turno, ma che non ha nulla della damiselle in distress, ma anzi, una ragazza capace di tenere testa a chiunque e di lanciarsi nel salvataggio di chi le sembra meritevole. Erek, il vero spirito del gruppo, colui che tiene alto il morale anche nei momenti peggiori. Di certo un ragazzo pieno di sorprese, generoso e altruista, che sa guardare oltre l’apparenza e arrivare dritto al punto.

Ma il mio preferito resta indubbiamente Lance, il compagno di stanza di Marco e colui che diventa, in breve, un amico straordinario. Leale, compassionevole, riflessivo, pensieroso, è il vero cavaliere medievale, colui che si veste di tutto punto e che salva i deboli senza pensarci due volte. Lance è davvero uno di quei personaggi che ami da subito e di cui non ti stancheresti mai.

L’ambientazione è particolare, nel cuore delle Alpi svizzere sorge questa sorta di castello, il college, in cui si svolge gran parte dell’azione. Un luogo quasi fuori tempo, con le divise per i ragazzi, il refettorio, le camerate, con quel tocco tra l’Harry Potter e i classici racconti arturiani.

Il particolare da non dimenticare? Un orologio…

Un libro complesso, da gustare con un animo aperto e la passione per le leggende di Camelot, con un gruppo di ragazzi che costruiscono dei rapporti veri e un’amicizia che vola oltre i confini del dovere per sedimentarsi in un mondo che è principalmente lotta e competizione. Niente è semplice, nessuno è perfetto e proprio per questo, per questa mancanza di definizione dei ruoli tutto diventa più semplice da comprendere, anche se più complesso da gestire. Molto spesso si resta scettici, ma in fin dei conti si fa il tifo per Marco e Company, perché io perlomeno preferisco l’imperfezione di errori per cui si chiede scusa, che il finto buonismo e perfezione di certi protagonisti di ya.

Da non lasciarsi scappare neanche “Storia di un’assassina” una novella distribuita gratuitamente, che investiga meglio sulla vita di uno dei personaggi di “Albion”. Io aspetto intanto il secondo volume della serie, che dovrebbe essere composta da cinque libri, di cui non si conosce né titolo, né copertina, né data di pubblicazione.

Buona lettura guys!

 

 

 

COVER LOVERS #29: The Lost by Sarah Beth Durst

Martedì… e cosa significa? Significa il nuovo post del meme che ho creato insieme alla mia straordinaria collega @Ilovereading_, del Blog Petrichor che vi invito a seguire calorosamente anche alla sua pagina fb.  Finalmente sono riuscita a consegnare il report (oddio sono terrorizzata dal risultato) e posso postare. Mi dispiace di non essere presente come vorrei, ma sono contenta di riuscire comunque a portare avanti questa piccola rubrica che ho creato con la mia mitica collega e condividere con voi le cover che mi colpiscono… Sono molto orgogliosa quindi di presentarvi il nostro meme:

 

 

Di cosa si tratta? Cover Lovers: La copertina che ci ha fregato questa settimana è una rubrica che ci permette di presentare la copertina che di settimana in settimana ci ha indotte ad aderire ad un Blog Tour, richiedere un ARC, o semplicemente comprare un libro. In definitiva, la copertina che solo guardandola ha fatto aggiungere un libro (o due) alla lista delle cose da leggere.

 

***************

 

Nuova settimana e anche oggi sono qui per mostrarvi una delle copertine che mi ha praticamente chiesto in ginocchio di essere scelta. Sono un caso umano, non riesco proprio a dire di no ad una cover che mi colpisce. Molto spesso si tratta solo di un singolo dettaglio, ma che inevitabilmente fa la differenza. Quando ti trovi file e file di libri e ti lasci guidare solo dal momento, una cover particolare può generalmente guidare all’acquisto. Mi fa molta rabbia pensare che solitamente invece, nell’editoria italiana, non si cura abbastanza questo aspetto. Avere una copertina intrigante e d’impatto può essere l’arma vincente.

Btw il libro di questa settimana l’ho ricevuto grazie a Netgalley & Harlequin Teen che non mancano di regalarmi sorprese meravigliose. Si tratta di un volume in inglese che si chiama: “The Lost” by Sarah Beth Durst. E vediamola subito questa cover:

 

 

In questo caso tutto ruota intorno al titolo, che spicca vistoso, in bianco su questo skyline di un paesaggio, di campagna, con il mulino e una distesa dei miei colori preferiti, tra il blu e il viola. Insomma una copertina semplice, senza grossi fronzoli, ma super interessante, che mi ha colpito immediatamente.

 

Ma di cosa parla il libro?

Vi siete persi?

I vostri sogni?

Voi stessi?

Benvenuti a Lost.

Dovrebbe essere una piccolo fuga. Poche ore di guida prima di tornare indietro e dirigersi a casa. Ma una volta arrivati a Lost… beh, è un posto che davvero non si può lasciare. Non finché non si vieni Trovati. Solo l’Uomo Scomparso ti può mandare a casa. E ha lanciato solo un’occhiata a Lauren Chase ed è scomparsa.

Così Lauren ora è intrappolata in una città dove vanno tutte le cose perse – bagagli, chiavi, sogni, vite – dove niente è permanente, dove i locali diventano pazzi e dove le sole persone che non vogliono ucciderla sono un affascinante uomo selvaggio chiamato The Finder e una ragazzina di sei anni che si porta in giro un coltello. L’unica strada che porta fuori città è nascosa da un insormontabile tempesta di sabbia, e la fuga è impossibile…

Finché Lauren non decide che niente e nessuno la costringerà a rimanere lì…

 

No parliamone… quanto è fico questo libro??? Non vedo l’ora di leggerlo perché davvero mi ispira un casino. Non ha solo una copertina davvero originale ma anche una trama intrigante… insomma ha tutte le caratteristiche per farmi cadere ai suoi piedi…

E voi da che copertina vi siete lasciati incantare questa settimana? 

Twisted by Emma Chase

 

 

Because good sex? Really, really good sex? Doesn’t need alcohol. And it’s not about compatibility, or practice, or even being in love. It’s about trust. Letting your guard down. Putting yourself in another person’s hands and letting him lead you to places you’ve never been before.

 

“Twisted” è il sequel di “Tangled” tradotto in italiano come “Non cercarmi mai più” per la Newton Compton Editori e che ho letto in occasione del “Tangled Read Along”. Avendo letteralmente adorato il primo volume e dietro le lusinghe di alcune appassionate followers mi sono detta che sarebbe stato bello organizzare un altro RA per leggere il sequel, uscito il 25 marzo, e in uscita in italiano il 22 maggio come “Cercami ancora”. Detto fatto è nato il “Twisted Read Along” che purtroppo non è stato all’altezza del precedente e mi ha lasciato un po’ stupita. Il libro, pur conservando quel tocco di ironia che caratterizzava i commenti di Drew, assume delle tinte scure che poco si addicono alla natura comica con cui era nata la serie. E sfortunatamente il libro mi ha un po’ delusa…

 

Ci sono due tipi di persone al mondo. Quelle che prima guardano, e quelle che saltano. Io sono sempre stata un’appartenente della prima categoria. Cauta. Una pianificatrice. Tutto è cambiato quando ho incontrato Drew Evans. È stato così persistente. Così sicuro di sè… e di me.

Ma non tutte le storie d’amore finiscono con l’happy ending. Pensavate che io e Drew fuggissimo verso il tramonto? Benvenuti nel club. Ora devo prendere una decisione, la più importante della mia vita. Drew ha già compiuto la sua – infatti ha cercato di decidere per entrambi. Ma sapete che questo non è il mio stile. Così sono tornata a Greenville. Da sola. Beh, quasi da sola…

Quello che ho capito è che le vecchie abitudini sono dure a morire e qualche volta devi tornare dove hai iniziato, prima di andare avanti.

 

Quando ho letto “Tangled” mi sono innamorata del modo unico e originale di descrivere la psicologia maschile. Leggere dal punto di vista di Drew sembrava come leggere davvero dentro la testa di un uomo. Il libro aveva qualcosa di particolarmente affascinante che mi ha portato a finirlo in breve tempo, tant’è che non ho rispettato le scadenze del RA e mi ha lasciata veramente stupita, perché Drew mi ha colpito al cuore. Leggere “Twisted” sorprende, sconvolge, e allo stesso tempo lascia interdetti. Sono passati due anni dai fatti del primo volume, ma soprattutto la vera novità è rappresentata dal fatto che è Kate a narrare la storia. La stessa Kate lasciata un po’ in disparte e che Drew ha così disperatamente cercato di conquistare.

Did you think Drew and I were going to ride off into the sunset? Live happily ever after? Join the club. Apparently happily ever after only lasts two years. Don’t check the title. You’re in the right place. This is still the Drew and Kate show. It’s just twisted around. Messed up.

Welcome to Oz, Toto. It’s a fucked-up place to be.

Ed è così che veniamo ad immergerci in una storia che si articola intorno ad un malinteso, che parte dalla perfezione di un rapporto che non è certo tutto rose e fiori, ma che sembra funzionare al meglio per i nostri due protagonisti. Drew non è cambiato è sempre il dominante uomo egocentrico ma passionale e attento, mentre ci accorgiamo che Kate non è la stessa, qualcosa è cambiato. Va detto naturalmente che nel primo volume viene completamente messa in secondo piano dall’esuberanza e dai gesti grandiosi di Drew e che noi la conosciamo solo come il riflesso in uno specchio. Drew l’ha idealizzata tantissimo ponendola su un piedistallo che a volte non corrisponde pienamente alla realtà. Kate d’altronde è una donna e come una donna è piena di dubbi e di incongruenze che la rendono subito simpatica. Ci si riconosce nei pensieri di Kate, nei suoi consigli spassionati, nel suo essere insicura. In fondo condivide la sua vita con uno degli uomini più desiderati della città, un lavoro che pretende sempre il massimo da lei e una vita che corre frenetica. Non sentirsi all’altezza allora diventa fin troppo facile, come lo diventa il suo sentirsi improvvisamente inadeguata. Nonostante tutte le possibili rassicurazioni del caso, nonostante i tentativi di Drew di renderla sempre partecipe e amata, pure le complicazioni arrivano, arrivano prevedibili come il dimenticarsi l’ombrello quando piove. La trama, facilmente intuibile fin dal primo capitolo, è leggermente insulsa, di certo ci si poteva inventare qualche altra cosa, ma l’indubbia bravura della Chase di essere reale e di regalare ai suoi lettori personaggi palpabili con cui immedesimarsi è veramente straordinaria. E mai come in questo caso è il corollario dei personaggi secondari a fare la differenza. La mia mitica Mackenzie, la nipotina di Drew che nella scena in cui appare è davvero straordinaria, DeeDee senza la quale sicuramente la storia perderebbe di verve e non posso non citare Bill. Bill. Ricordiamoci che lo abbiamo sempre visto dagli occhi di Drew, occhi colmi di gelosia e di ferocia. Bill in questo volume si redime, o meglio, ne conosciamo un lato che non avevamo avuto modo di esplorare. Anche questa è la dimostrazione che la storia è sempre la somma di percezioni diverse, che inevitabilmente le nostre esperienze ed emozioni influenzano il nostro modo di leggere le situazioni. Allora Kate non solo ci racconta un’altra storia, il sequel di un’impresa grandiosa, ma ci fornisce anche gli strumenti per capire meglio come a quel sequel si è arrivati, rendendo movimentata la lettura.

Il particolare da non dimenticare? Una T-shirt degli Yankee.

La prevedibilità di una trama scontata lascia il posto al realismo di una psicologia studiata minuziosamente e anche se Drew appare come un bastardo patentato e imperdonabile, pure ci si ritrova a fare il tifo per lui, in una situazione che di buono non ha nulla. È difficile essere imparziali con un libro che non rispetta le tue aspettative ma che regala comunque una lettura godibile. Perché il lieto fine è per le principesse… la vita vera è un’altra cosa.

Io intanto aspetto “Tamed” il terzo libro che racconta di DeeDee e Matthew in uscita a maggio…

Buona lettura guys!

 

 

 

 

TWISTED READ ALONG: Il recap

 

 

Ecco che sono qui per chiudere anche un altro capitolo, che mi trascino dietro da un po’. Si tratta del “TWISTED READ ALONG” forse non uno dei RA più riusciti, ma sicuramente un progetto a cui tenevo molto. Emma Chase ha scritto un libro favoloso, “Tangled” che mi è piaciuto molto vista la sua originalità rispetto alle migliaia di romance che si ritrovano in giro. Questo è stato un RA di quelli estemporanei al massimo, che serviva solo per veicolare la lettura di Twisted appena pubblicato da Gallery Books il 25 marzo. Appena uscito doveva essere mio, ma doveva essere nostro e quando la mitica @Mirya_76 aveva chiesto a chi andava di leggerlo subito, non mi sono tirata indietro e ho accolto subito una certa esigenza. Per certe cose non riesco proprio a dire di no, non riesco proprio a tirarmi indietro soprattutto quando si tratta di leggere in gruppo. Il Read Along è una di quelle esperienze che se non vivi non puoi capire… non so se è solo una mia percezione o meno, ma mi sento più vicina al libro se lo leggo in contemporanea a qualcuno, mi sembra di sviscerarlo più a fondo, di comprenderlo e viverlo meglio, come si merita, come andrebbe fatto. E allora è stato bello immergermi anche in un libro molto atteso, anche se forse, non era quello che mi aspettavo. Perché in fondo non è il libro a fare la differenza, ma con chi lo leggi, anche se in effetti poi ci pensi e ci ripensi.

La lettura di gruppo diventa davvero un modo per confrontarsi e per vivere in maniera più approfondita i propri sentimenti. Non è sempre facile capire cosa si prova e a volte il confronto è proprio ciò che serve per partire con una carica in più. Leggere, per quanto possa divertire, lascia sempre qualcosa, un insegnamento, una qualche forma di arricchimento, ad un’esistenza che non può essere vincolata solo alla realtà. L’immaginazione dà benzina alla curiosità e insieme permettono di sorvolare le brutture di una realtà grama e senza vie di fuga. Ma credo anche che leggere sia un modo straordinario di crescere e migliorarsi caratterialmente e emotivamente. È anche un ottimo modo per investigare su sé stessi, su come si ragiona, sui propri valori, su cosa è davvero importante. Ne sono certa.

 

Sono fiera di aver avuto modo di iniziare una nuova avventura, breve ma intensa, come questa. Nonostante false partenze e delusioni, incontri, scontri e amarezze. In un susseguirsi di pagine scandagliate e assimilate. Riflettere sulla parola scritta è importante quasi quanto capire la parola scritta.

 

 

I PARTECIPANTI

 

Si dice sempre pochi ma buoni, e sono felice di confermarlo anche in questa occasione. Non tutti leggono in inglese e c’era chi preferiva aspettare la versione nostrana di questo romanzo. Sono comunque contentissima di aver condiviso questa esperienza con:

- @CaterinaVacchi con noi dal “Divergent Read Along” ma che ha condiviso anche questo, sono molto felice di aver condiviso anche questa lettura con lei, che spero non si sia annoiata e abbia apprezzato la mia e la nostra compagnia.

- @Imma_Er quanto posso adorare questa ragazza? Mi dà sempre il suo sostegno, cerca di non perdersi neanche un’iniziativa ed è un’ottima spacciatrice di romance. Grazie tesoro, davvero non avrei mai creduto di condividere così tanto con te.

- la mia super mitica @Medormad che non smette mai di stupirmi, che mi regala sempre un sacco di emozioni uniche, di allegria, di risate, di affetto. Sono fortunatissima di averla nella mia vita, sono felicissima di averla con me… davvero grazie di tutto stellina! <3

- @Mirya_76 colei che ha proposto il tutto, che mi dà speranza, che mi consiglia, che mi lusinga anche solo rispondendo ad un post o ad un commento che mi sorprende, che mi dà un’altra prospettiva sulle cose, che non mi ha mai lasciato delusa. Grazie per esserci ed essere diventata una parte fondamentale del gruppo.

- @SunshinePol grazie chicca per esserti unita anche a questa iniziativa, non ho avuto molto modo di parlarti, ma so per certo che rimedierò!

 

 

E ora bando agli indugi…. Vi lascio al recap di questa settimana molto intensa. Mi dispiace averci messo così tanto, ma sono sempre incredibilmente impegnata. La tesi mi sta distruggendo il cervello e Bruxelles… mi sta rubando il cuore. Bene come al solito vi invito ad avvicinarvi alla lettura con cautela, perché NON POSSO GARANTIRE LO SPOILER FREE…

Buona lettura :****

 

***************

 

 

Dal prologo all’epilogo: La Sinossi

Ci sono due tipi di persone al mondo. Quelle che prima guardano, e quelle che saltano. Io sono sempre stata un’appartenente della prima categoria. Cauta. Una pianificatrice. Tutto è cambiato quando ho incontrato Drew Evans. È stato così persistente. Così sicuro di sè… e di me.

Ma non tutte le storie d’amore finiscono con l’happy ending. Pensavate che io e Drew fuggissimo verso il tramonto? Benvenuti nel club. Ora devo prendere una decisione, la più importante della mia vita. Drew ha già compiuto la sua – infatti ha cercato di decidere per entrambi. Ma sapete che questo non è il mio stile. Così sono tornata a Greenville. Da sola. Beh, quasi da sola…

Quello che ho capito è che le vecchie abitudini sono dure a morire e qualche volta devi tornare dove hai iniziato, prima di andare avanti.

 

*************

 

Dal prologo all’epilogo: I nostri commenti su Twitter

Io

E iniziamo questo #ScrewRA

During a blow job? Guys love eye contact. Don‘t ask me why—I have no idea. #ScrewRA

Like I’m a puppet on a string, and Drew is the master puppeteer. Adoro la parola puppeteer #ScrewRA

Because good sex? Really, really good sex? Doesn’t need alcohol. And it’s not about compatibility, or practice, or even being in love. It’s about trust. Letting your guard down. Putting yourself in another person’s hands and letting him lead you to places you’ve never been before. #ScrewRA

The metamorphosis is painful. Terrifying and unknown. #ScrewRA

Unexpected devastation changes you. #ScrewRA

Trust me—until you’ve heard him whisper blush-worthy phrases in a foreign language, you don’t know the meaning of the word sexy. #ScrewRA

Don’t even try and tell me Bill Gates came up with Windows—a maze of interconnected, multicolored path-ways—without some serious psychedelic assistance #ScrewRA

He told me music was like a secret code, a magical language that would always be there for me. To comfort me when I was sad, to help me celebrate when I was happy. And he was right. #ScrewRA

Mackenzie è il mio personaggio preferito. IL MIO PREFERITO! #ScrewRA

I like paper. It’s solid—real. To destroy it, you have to burn it. #ScrewRA

I haven’t seen her in years, but ours is one of those friendships that can go a decade without contact; then when we finally do get together, it’s like we haven’t missed a day. #ScrewRA

Sono delusa #ScrewRA

Married men live seven to ten years longer than bachelors. Married women, on the other hand, die about eight years earlier than their single counterparts. #ScrewRA

The average human being spends a third of their life in bed. #ScrewRA

You can’t bullshit best friends. And sometimes that’s a double-edged sword—because it means they won’t let you bullshit yourself. #ScrewRA

Billy drops to his knees in front of me. “hey, in there. I’m Uncle Billy.” Then he looks up at me, worried. “I can be Uncle Billy, right? You gotta let me be Uncle Billy. The only other shot I’ve got is Delores—and who the hell knows what kind a freak of nature she’s gonna squeeze out.” #ScrewRA

 

@Imma_Er

Finalmente posso iniziare!!! #ScrewRA

Oh shit. Non me li ricordavo così porcellini. xD #ScrewRA

"But no one ever thinks about what they had to go through to become what they are." #ScrewRA

Drew?! Che hai combinatoooo?! #ScrewRA

"Sure, he’s smiling, but have you ever seen Lord of the Rings? Gollum smiled too." Hahahahah #ScrewRA

"All things Drew had already seen, places he’d already been to. Places he wanted to share - with me."  ?? #ScrewRA

"There isn’t a single pair of underwear in this entire suitcase. And it’s not an oversight." Hahahahah #ScrewRA

"You think you have it all under control, your path so perfectly mapped out. And then one day you’re driving along and Bam! You get rammed from behind on the freeway. And you never saw it coming." #ScrewRA

"Not matter how well you think you know somebody? How confident you are of their feelings, their reactions? They can still surprise you. And in the most devastating of ways." #ScrewRA

Hahahahah amo Mackenzie!!! #ScrewRA

Vomiting. Tired. Moody. They certainly sound familiar. Dai che ci arriviii!!! #ScrewRA

Ed ora cosa succede per rovinare tutto?! #ScrewRA

Nooo.. che casino che hanno combinato =(( #ScrewRA

Because if you try and hit a brick wall? All you’ll get is a broken hand. #ScrewRA

It wasn’t supposed to end like this. It wasn’t supposed to end at all. He wrote it in the clouds for me, remember? #ScrewRA

E continuano a non capirsiiii… che rabbiaaaa!! #ScrewRA

“How am I supposed to act, Drew? What do you want from me?” He yells, “I want any part of you that you’re willing to give me!” #ScrewRA

“I’ll take anything, Kate. Just … don’t tell me it’s over. I won’t accept that.” #ScrewRA

Drew may have pulled the trigger, but I loaded the gun. #ScrewRA

“But you came … for me. Why?” “Because I can’t live without you, Kate. I don’t even know how to try.” #ScrewRA

Dee smirks. “Aww, it’s like Jack and Rose on the Titanic.” She raises her hand. “Who else is hoping Douche Bag ends up the same way Jack did?” Hahahahaha #ScrewRA

“So … you’re going to prove you’re never going to leave me … by leaving me?” “No. I’m going to prove I’ll never leave you … by coming back to you.” #ScrewRA

Drew pulls the front of his pants away from his waist and looks down. “Nope—still got a dick. Which explains a lot, because your reasoning would only make sense to a woman.” ahahahahahaha <3 #ScrewRA

“In the last two years, I’ve probably told you a dozen times that I would do anything for you.” He shrugs. “It’s time I put up or shut up.” #ScrewRA

“And one day, I’m going to ask you to marry me. And you’re going to know it’s not because you’re pregnant, or because of some misguided attempt to keep you. You’re going to know I’m asking because nothing would make me prouder than to be able to say, ‘This is my wife, Kate.’ And when I do ask, you’re going to say yes.” #ScrewRA

"Yeah—it’s me, Drew. Long time no see. Miss me?" AMOOOREEEE!! #ScrewRA

“You’re pregnant—not fat.” I think for a moment and then add matter-of-factly, “Alexandra’s fat.” Her damp eyes squint. “She’s pregnant.” “Not in her thighs.” Kate shakes her head. “You’re so mean.” hahahahaha come mi era mancato :P #ScrewRA

That light at the end of the tunnel is worth all the shit you had to wade through to get there. #ScrewRA

 

@CaterinaVacchi

“Number Two—life isn’t perfect. Or predictable. Don’t expect it to be.” #ScrewRA

“Number One—people don’t change. There’s no magic bullet. No bibbidi-fucking-boo.” #ScrewRA “Cool, right? In a weird Aliens kind of way, but still cool.” #ScrewRA

“I talked so much about my feelings, it’s a wonder I didn’t sprout tits.” #ScrewRA

“I’d like to shove your dick in an automatic pencil sharpener” look on your face” #ScrewRa

“Why do you have to come up with these diabolical schemes, like some super-villain from Batman?” #ScrewRA

“You have to fall down, scrape your palms and knees, before you know you have the ability to pick yourself back up.” #ScrewRA

“I never knew anything could feel this bad.” #ScrewRA

“No. It’s not. It’ll never be okay again.” #ScrewRA

“I thought so too. Until I saw the Dark Prince myself. Wasn’t pretty.” #ScrewRA

“Okay.” he smiles. “I should get you home, before Carol calls out thedogs. Or worse—Amelia.” #ScrewRA

“I don’t know what the hell I want to do. Sound like a broken record, don’t I? Sorry.” #ScrewRA

“I mean, what kind of woman does that? What kind of woman chooses a man over her own flesh and blood?” #ScrewRA

“I lost my virginity in its backseat. Prom weekend. Yes—I’m a statistic.” #ScrewRA

“Yeah. Lots of people sleep twelve hours during the day.” I hand him his onion rings. “I know. They’re called vampires, Billy.” #ScrewRA

“Waitressing skills are like riding a bike—you never really forget.” #ScrewRA

“And that’s what love is like. It doesn’t just stop. No matter how hurt or wronged or angry you are—the love’s still there.” #ScrewRA

I was valedictorian of my high school class. I graduated from harvard Law School. Ignorance is not something I’m familiar with. #ScrewRA

“I’m going to get through this. I’m Kate Fucking Brooks.” #ScrewRA

Because men are parasites. The life-sucking variety from the rainforest that burrow up your genitalia,then lay eggs in your kid-neys.#ScrewRA

“Fury is good. Fire is fuel. Steam is power. And rage keeps you standing, when all you really want to do is curl up in a ball…” #ScrewRA

“Because although I don’t think they’ll agree with what Drew has done, how he’s treated me, you know the saying: Blood is thicker” #ScrewRA

I was a tomboy anyway, so it wasn’t hard.” #ScrewRA

“Drew Evans doesn’t burn bridges. he sets dynamite to them” #ScrewRA

“Drew is a good kisser.But I’ve never had the chance to observe him in action. I’ve never seen him kiss anyone.” #ScrewRA

Oh, no—New Yorkers have the monopoly on bad driving. And crazy baseball fans. #ScrewRA

“Scarlett O’hara has left the building.” #ScrewRA

“She’s petite—tiny enough to shop at GAP Kids—but she’s got the personality of an Amazon.” #ScrewRA

“have you ever seen Gone with the Wind? Scarlett O’hara is my idol. I can’t think about this now. I’ll think about it tomorrow” #ScrewRA

“Every relationship has a screamer. A thrower. A breaker of things. In this one, that would be me. But it’s not my fault” #ScrewRA

“With our best friends, Matthew and Delores. To celebrate their first anniversary. You didn’t know they got married?”#ScrewRA

“He’s Mr. I-Think-of-Everything” #ScrewRA

“Like Richard Gere in Pretty Woman, Drew is a big believer in “only the best.” #ScrewRA

“You thought Luke and Daisy Duke’s inbred love child was nice? Really” #ScrewRA

“To hear him tell it, he knew all along that Drew and I would be an unbeatable team—unless we killed each other.” #ScrewRA

“The metamorphosis is painful. Terrifying and unknown” #ScrewRA

#ScrewRA “Because good sex? Really, really good sex? Doesn’t need alcohol. And it’s not about compatibility, (cont) http://tl.gd/n_1s16h7q

"And it makes me feel precious. He makes me feel that way. Always. Cherished. Adored.” #ScrewRA

“Mmm … Kate wants to run the show? Interesting.” #ScrewRA

#ScrewRA “Weed courage is what made me brave enough to get my tattoo. But, sadly, those days are over”

#ScrewRA “It wasn’t really you—you were possessed by Captain Morgan and the Grey Goose”

#ScrewRA E dopo poche righe si rese conto che l’io narrante di Twisted era Kate e non Drew. E pianse per ore rimpiangendo l’acidume maschile

 

@Mirya_76

#ScrewRA: Inizio bollente! Quando scrivo sento il bisogno di essere più realistica nelle scene d’amore, ma quando leggo credo invece di preferire il modo in cui gestisce le cose la Chase, più irreale, certo, ma anche per questo meno prosaico. Stupendo modo di vedere qualcosa di tanto ‘proibito’, saltando le problematiche più fisiche; servirebbe, però, una piccola precisazione: “Don’t try this at home”! Non così!

#ScrewRA: “Because good sex? Really, really good sex? Doesn’t need alcohol. And it’s not about compatibility, or practice, or even being in love. It’s about trust. Letting your guard down. Putting yourself in another person’s hands and letting him lead you to places you’ve never been before.”

#ScrewRA: “Unexpected devastation changes you.”

#ScrewRA: “…birth control pills, moisturizer, the rest of my antibiotic…” Piccola, giuro, piccola critica. Noi donne non siamo così sceme e disinformate. Lo sappiamo che la pillola non funziona con l’antibiotico. Se prendiamo la pillola, leggiamo il bugiardino. E prima di darci la pillola, il dottore o il ginecologo specificano bene con quali farmaci non funziona. Eppure nel novanta per cento dei libri d’amore lei resta incinta perché non sa che la pillola non funziona con l’antibiotico. Sono un po’ stanca di questa trovata, lo ammetto. Piuttosto inventate un folletto che buca i preservativi, sarebbe più realistico.

#ScreRA: “All I’ll say at the moment is: read the insert.” Appunto.

#ScrewRA: “A good friend should be able to tell you anything.”

#ScrewRA: “Why don’t I just tell him what’s bothering me? Because this is the game women play. We want you to drag it out of us. To show us you’re interested. It’s a test to see how much you care.” Sante parole, ragazza. Praticamente la regola base di ogni rapporto. Da tatuare in faccia ad ogni uomo.

#ScrewRA: “… for you guys out there? Even if your girlfriend’s tirade is PMS derived? Don’t point that out to her. It won’t end well for you.” Di nuovo, sante parole, ragazza.

Ma io vorrei proprio sapere se ieri @MedOrMad è riuscita a leggere lo #ScrewRA…

#ScrewRA: Ribadisco. Stanca, irritabile, nauseata. Din din din! Sei una donna, cacchio. Arrivaci. Sei stata definita intelligente.

#ScrewRA: “No matter how well you think you know somebody, how confident you are of their feelings, their reactions. They can still surprise you. And in the most devastanting of ways.”

#ScrewRA: “I walked in my parents’ bedroom and called my Dad for help. And that’s when it hit me - staring at their empty room. He wasn’t there. He’d never be there again.”

Una decina di giorni dopo la morte di mio padre, mia madre ritenne furbo chiamarmi col cellulare di papà. Così io sono rimasta lì a fissare quel nome sul display, ‘papà’, per almeno un minuto, certa che, una volta risposto, avrei sentito di nuovo lui. E’ stata la prima volta che l’ho pianto davvero.

#ScrewRA: “I haven’t seen her in years, but ours is one of those friendship that can go a decade without contact; then when we finally do get together, it’s like we haven’t missed a day.”

@CaterinaVacchi, per me sei tu.

#ScrewRA: Naturalmente ci saranno spiegazioni, e ci sarà stato un fraintendimento. Però sarà dura dimenticare tale cattiveria, e per me sarà dura anche pensare, a questo punto, che Drew possa cambiare. La prima volta che ha creduto che Kate fosse tornata con Billy si è comportato da cazzone, l’ha umiliata e ferita, poi si è scusato e ha promesso che non sarebbe successo mai più. E adesso l’ha rifatto, con una crudeltà indicibile, peraltro rinfacciandole il sesso più intimo che abbiano condiviso… Si è capito che lui ha preso fischi per fiaschi, però se ogni volta che lo fa, invece di chiedere spiegazioni, parlare, chiarire, agisce subito vendicandosi, non vedo come possa diventare un buon compagno. E ancora di più, un buon padre.

@MedOrMad #ScrewRA: “especially the night against the kitchen sink”. Io invece qui proprio non lo accetto. Come dici tu, il resto si basa su un fraintendimento che un po’ si è capito - lui ha letto il nome sull’agenda, l’ha seguita, l’ha vista abbracciare un altro (la macchina che sgommava) e ha pensato che lei lo tradisca. Non la vede nemmeno baciare un altro, non le chiede nulla, non si confronta, non le dà fiducia: si vendica, subito e orrendamente. E già l’immagine di lui con la spogliarellista è terribile. Ma queste parole, queste sono quelle che io non posso perdonare. Io sono meno pudica di te, ho apprezzato quella scena di sesso perché ci ho letto, come dice Kate, una grande manifestazione di intimità e fiducia: che lui ora gliela sbatta in faccia così, trattandola da puttana, è orribile. Un dono così grande, una tale concessione, una tale condivisione, diventa motivo della peggiore umiliazione. E davanti ad un’altra. Non può farsi scusare quelle parole, per me: in futuro penserei che ogni volta che abbasso la guardia lui potrebbe usarlo contro di me… solo perché ha supposto qualcosa. Insomma, davvero non doveva rinfacciarglielo.

#ScrewRA: “A woman’s most powerful weapon is guilt - much more lethal than a machete.”

#ScrewRA: “Because routine is good. Any routine. Even an old one.”

#ScrewRA: “They say youth is wasted on the young – and they’re right. But it’s not the youth’s fault. No matter how often they’re told to appreciate the days they’re living, they just can’t. Because they have nothing to compare it to. It’s only later, when it’s too late – when there’re bills to pay and deadlines to make – that they realize how sweet, how innocent and precious, those moments were.”

#ScrewRA: Kate, non mi stai piacendo. Capisco perché non eri uscita fuori un granché in Tangled: non hai molto da dire. Sei piuttosto una bambina, e insieme a Billy cerchi di recuperare quell’infanzia, ma crescere significa apprezzare ciò che ogni età porta con sé, non aggrapparsi a quelle già andate.

#ScrewRA: Meno male che c’è Dolores. Lei finalmente ha ridato tono al libro.

#ScrewRA: “If you’re doing it because you think it’s what Drew wants, or as some warped attempt to work things out whit him? Don’t. You’ll just end up hating yourself for it – and resenting him.”

#ScrewRA: “I was all those things before him – and I’m still all those things now. Without him.” Grazie a Dio, Kate, ci sei arrivata!

#ScrewRA: “Because that’s how real friends are – they share your pain. Your agony is theirs, even if it’s not in equal measure.”

#ScrewRA: Uncle Billy. Lo adoro. In questo libro, ormai, mi trovo a pensare che Billy sia due spanne sopra Drew. Magari non dovrei, ma è stato adorabile, e fedele, e protettivo, e intelligente e divertente e dolcissimo. Decisamente un’altra cosa rispetto a come lo avevamo visto in Tangled. È vero, come dice Kate, che lì lo vedevamo con gli occhi di Drew, però mi sembra ci sia comunque uno scarto forte tra questo Billy e quello, qualcosa che non torna del tutto, che appare un po’ incoerente. Anche perché in questo caso Kate in Tangled avrebbe tradito Billy con Drew… e non è che mi faccia tanto piacere, ora, che uno come Uncle Billy abbia le corna.

#ScrewRA: “Some of you are going to say that I should’ve punished Drew more.” Alzo la mano! Alzo la mano!

#ScrewRA: “I made mistake too.”. Quali? Io non capisco. Quali? Prendere appuntamento da un ginecologo prima di dirlo a lui? Davvero non capisco. Ti sei presa un giorno, Kate, un giorno per esserne sicura e abituarti all’idea. Cosa che peraltro spesso si fa anche per non dare illusioni premature. Non hai fatto niente: sei andata a fare una visita. E gliel’avresti detto al ritorno dalla visita. Quali colpe pensi di avere?

#ScrewRA: “I’ve been to the other side. I’ve seen what freedom has to offer. Misery.”

A volte la penso anch’io così. Quando qualcuno si proclama troppo convinto o soddisfatto della sua presunta libertà, e ci tiene così tanto ad urlare al mondo che sarà sempre libero da qualunque legame… ecco, a me insospettisce e mette tristezza. Se sei libero non hai bisogno di farlo sapere agli altri, perché anche quel bisogno sarebbe una schiavitù. Se sei misero… è un’altra cosa.

#ScrewRA: “When it’s all said and done? The payoff is way more than fucking worth it.”

 

@Medormad

#ScrewRA Posso essere una prude slut? Mi sento in equilibrio con questa definizione, Kate. Al “I love your pussy” mi muovevo già imbarazzata

@SunshinePol quindi io morirò… #screwRa si è imporchito???

Ma io vorrei proprio sapere se ieri @MedOrMad è riuscita a leggere lo #ScrewRA…

@Mirya_76 mi sono addormentata come una cretina, ma mi accingo a farlo ora. Se stai in zona, credo riderai un sacco. *Trauma* #ScrewRA

#ScrewRA kate esploratrice, hai la mia approvazione, ma non so se avrai la mia compagnia in questo… viaggetto. #Brividabadibidi!

#ScrewRA oddio, perché si parlano? Shhhh, io sono già a disagio!

#ScrewRA eh-eh-eh-eh, anche io mi incazzerei!

#ScrewRA “Too much information?” sì, Kate, too much indeed!

#ScrewRA no, d’accordo, sono al lavandino in cucina e sto avendo evidenti problemi. *Gulp*. Perché Emma si è imporchita così??

#ScrewRA “because good sex? Really, really good sex? Doesn’t need alchol. It’s about trust.”

#ScrewRA a stripper? Drew, perché sei un vero imbecille? Perché?!

#ScrewRA “Most of us just open the little paper bag, take out our pills, and throw the insert away.” Oh, con calma: Kate mente sapendo di mentire. Qualunque donna quando prende la pillola si legge quell’immenso lenzuolo di bugiardino e si sente a) tutti gli effetti collaterali possibili b) tutti i problemi che possono interagire con la pillola c) impara a memoria ogni parola di quel bugiardino. Con l’imodium magari non mi studio tutto per evidenti ragioni, ma il bugiardino della Pillola é stampato nella mia memoria da anni! C’è in ballo in tuo utero, non una spiacevole indigestione: se non leggi il bugiardino della pillola o l’hai scambiata per una zigulì o non dovresti essere autorizzata ad usarla…

#ScrewRA “maybe I’m an ass woman after all”… Eheehehehhe, sporcaccina!

Gasp, gasp, sono indietrissimo in #ScrewRA

#ScrewRA sono indietro di un giorno, quindi oggi attacco i cap di ieri, però dirò una cosa che da me vi aspettavate tutte: TROPPO sesso nei primi capitoli. Ho capito che Drew e Kate sono compatibili, lo fanno strano, si desiderano senza sosta… L’avevo capito già nel primo libro e negli extra, però. Scritto benissimo, per carità, ma come inizio mi ha un po’ annoiato… E traumatizzato, ovviamente. Sapete perché.

@Mirya_76 #ScrewRA sì, probabilmente sulla prima scena (#StefyTraumatizzata) hai ragione, però non so se l’inizio del libro mi ha convinta in generale. Cioè, l’intimità in sé è palpabile e piacevolissima, però sono un po’ affaticata… I primi capitoli mi sono suonati più come extra hot. È stata un’introduzione più faticosa: sto avendo qualche problema a farmi trascinare dentro, non so se per il ritmo degli eventi o se per colpa mia. Ho paura di vedere Drew in una luce diversa e di arrivare a disprezzarlo, perdendo tutta la soddisfazione che avevo conquistato con la sua evoluzione nel primo libro. Penso di essere un po’ frenata e prevenuta, però.

#ScrewRA non ho scritto nulla sui cap 3, 4, 5 perché erano abbastanza prevedibili e “di transizione”. Un perfetto modo di introdurre al botto che immagino mi attenda al capitolo 6. Non è una critica: senza capitoli di transizione ogni storia sarebbe solo un susseguirsi di BUM! senza introspezione. Mi hanno portata a prepararmi a Drew e a sentire il cuore di Kate dopo aver riflettuto.

#ScrewRA ma santo cielo! Io volevo una commedia. Perché mi fai questo, mia adorata Emma?

#ScrewRA “Are you gonna end it?”. Ecco, questi malintesi nei libri a me fanno incazzare farte. Mi urtano proprio, è più forte di me.

#ScrewRA “especially the night against the kitchen sink”. Non fraintendiamo, lo sto odiando come giusto che sia, ma per qualche strana ragione non sono sconvolta o indignata: è una reazione perfettamente in character. È Drew: qui temo che il cambio di narrazione stia penalizzando Drew sotto tutti i punti di vista. Senti solo Kate e il suo dolore e perdi la posizione di vantaggio che avevi in Tangled: la fortuna di guardare dentro Drew e stare in contatto con lui anche attraverso i suoi comportamenti ignobili. Insomma, io sono femmina e so come funziona una donna. Ecco, non c’è più quella originalità, quel punto privilegiato che ha reso il romanzo così “geniale”. Ora Twisted è un romanzo come tutti gli altri: sono una donna che legge di una donna e capisce le sue emozioni. È il primo capitolo in cui sento che cambiare pov è uno svantaggio anche per me. Un vero peccato, perché ora posso solo ipotizzare Drew e mi trovo costretta a provare pena per Kate: pena che avrei provato comunque. E devo per forza disprezzare Drew senza capirlo. Twisted ha un sapore amaro e ho paura che non sia solo per i fatti o per la reazione crudele di Drew. E, concedetemelo, il malinteso forzato su cui - suppongo - si fondi l’evolversi della storia è un po’ troppo facile come scelta. Ma spero che la Chase, così brillante nel primo, sappia dimostrarmi che sono una donna sciocca e prevenuta.

#ScrewRA okay, ho un problema che - da donna - non dovrei avere: sono incazzata anche con Kate. Lei e Drew fanno la stessa cosa, lo stesso fastidiosissimo errore (che, mi rendo conto, è necessario per la trama): non chiariscono di cosa si sta parlando, non palesano l’argomento in discussione. Ora, mettiamo la tipa e le spregevoli paroli di Drew da parte per un secondo: lui deduce, come un bambino idiota e si vendica, da vero cretino… Ma non palesa mai COSA pensa, COSA ha detto, COME è arrivato lì. Kate fa la stessa identica cosa: mente sull’appuntamento (decisione che, bah… non ricordo se nel primo Drew avesse grossi problemi con chi mente e robe simili, ma sorvoliamo) e, di fronte alle parole odiose di Drew, invece di chiedere spiegazioni e di dare un nome alle cose, lascia che lui deduca e lei fa lo stesso. È questa la ragione per cui i malentisi mi urtano: perché mi portano ad avercela con la stupidità dei personaggi. Mi frustrano da morire!

#ScrewRA “a woman’s most powerful weapon is guilt.”

#ScrewRA gli insulti in ordine alfabetico sono una chicca meravigliosa. Molester of Llamas. Orca fingerer. Smegma eater #vomito.

#ScrewRA “because it gets worse”. Io domani faccio 30 anni, Kate. Ho bisogno di ridere,non di “it gets worse”. Ora sono io che chiedo “why?”

#ScrewRA oh, maledezione, ho finito il capitolo 8!

#ScrewRA ah, ma su quello mi trovi completamente d’accordo. È un colpo così basso che fa schifo. Ma non posso dire che mi abbia stupito, avendo imparato i livelli a cui l’immaturità e gli eccessi di Drew portano: fa schifo, ma è assolutamente in character. La mia era più una riflessione sull’effetto che il cambio di narrazione ha avuto su di me in qualità di lettrice: mi sento svantaggiata perché privata della possibilità di leggere le sensazioni di Drew e mi sento costretta nella prospettiva femminile… Prospettiva che già mi appartiene, quindi mi sento penalizzata: insomma, non voglio le scusanti che potrebbe cercare Drew nello spiegarmi perché ha tirato una stoccata simile, vorrei solo poter tornare dietro i suoi occhi… Per capire lui e leggere tutto da un punto di vista che non posso normalmente assumere. Vedere lui, insomma: possibilmente questa è una deformazione professionale. Ne sono consapevole. In breve: lui è merda, lei l’avrei voluta più chiara e meno drammatica, lo ammetto. Aspetto che la Chase faccia qualche magia.

#ScrewRA mi sono bloccata nella lettura. È troppo deprimente da leggere in questi giorni… Mi manca la vena comica di Tangled. Sigh.

 

@Sunshinepol

#ScrewRA Prima pagina di Twisted e già voglio twittare! Diamo inizio anche a questo RA!

#ScrewRA “Defining who you are to the outside world is a constant balancing act.”

#ScrewRA “All I can feel is Drew. Controlling me. Driving me. Owning me.”

#ScrewRA “They start out as one thing, but end up something else entirely. Unrecognizable.”

#ScrewRA “Save your money. Buy the Kama sutra instead.”

#ScrewRA ” Sweaty guidos in their I’m-too-sexy silk shirt, who think breathing is a sign that you’re interested.”

#ScrewRA Cugina @MedOrMad ho letto solo i primi due capitoli di Twisted e sono quasi troppo porno per me…vorrei vedere la tua faccia mentre li leggi! Ahahahah Sono quasi arrossita io.

 

Insomma questo è quanto… al prossimo RA estemporaneo… al momento non ne sono previsti ma mai dire mai! XD 

COVER REVEAL: Unreasonable Doubt #2 by Whitney Garcia Williams

 

 

 

Sono onoratissima oggi di mostrarvi la copertina del secondo volume di una serie che ho adorato dalla prima pagina del primo volume, e che nel giro di qualche giorno ha fatto il giro del web avendo un clamoroso successo. Sto parlando di “Unreasonable Doubt” by Whitney Garcia Williams ed ecco la copertina del secondo volume:

 

 

La copertina è stata realizzata da Najla Qambers of Najla Qambers Designs ed è molto carina anche se non amo moltissimo le copertine con le foto…

 

Di cosa parla il libro?

Lei mi ha mentito…

Ha tradito l’unica regola su cui ero stato chiaro: l’onestà. Completa e assoluta onestà. Vorrei davvero che fosse qualcun altro – qualcuno che non avesse l’abilità di farmi sentire, qualcuno che potrei facilmente lasciar perdere come le centinaia di donne prima di lei. Ma lei non lo è.

Sono attratto da lei come non sono mai stato attratto da nessuna altra donna – completamente catturato solo dalla sua vista. Ma sfortunatamente il mio passato sta tornando lentamente alla luce per tutto il mondo, devo trovare un modo per lasciarla andare.

Lei non potrà mai essere mia.

Omg non vedo l’ora di leggerlo, anche se non abbiamo ancora una data precisa di pubblicazione, ma intanto potete aggiungerlo su Goodreads.

 

E ora pronti per un’anticipazione dal libro?

Tre…

Due…

Uno…

 

Subject: ASSHOLE.

Just emailing you to say hello since you haven’t reached out to me, and you haven’t heard from me in a while.

Hope all is well.

—Aubrey

His response came immediately.

Subject: Re: ASSHOLE.

I fucked you this morning, and from what I remember, I heard you loud and clear.

—Andrew

Subject: Re: Re: ASSHOLE.

That’s not what I meant…I meant that you and I no longer talk on the phone or email each other like we used to. You only want to fuck, and you still have a big ass problem with leaving me hanging right after. Talking about the weather for five seconds once we get done is not what I meant by post-conversation and you know it.

You’re an asshole.

—Aubrey 

 

Dove trovare il primo volume:

AMAZON   |  B&N

 

 

 

Volete sapere qualcosa di Whitney Garcia Williams?

Una donna dipendente dai dolci, fissata con i viaggi e ipocondriaca, ama scrivere di personaggi che la fanno ridere, piangere e che la voglio far entrare nel Kindle e schiaffeggiarli (come nel caso di Selena Ross). È “immaginaria autrice bestselling” di Jilted Bride Series, Mid Life Love, Wasted Love, and Captain of My Soul.

Quando non è chiusa nella sua stanza, batte velocemente sul suo laptop, può essere trovata sul suo sito. Ama anche ricevere mail dai suoi lettori, così se volete dirle quanto amate (o odiate) le sue storie potete scriverle a whitgracia@gmail.com

Dove trovarla:

Website  |  Facebook  |  Goodreads  |  Twitter

 

E ora siete pronti per un giveaway??? Good luck buddies!

$5.00 Gift Card * eBook of RD #1 * eARC of RD #2

a Rafflecopter giveaway

 

 

COVER LOVER #28: The Butterfly and the Violin (Hidden Masterpiece, #1) by Kristy Cambron

Martedì… e cosa significa? Significa il nuovo post del meme che ho creato insieme alla mia straordinaria collega @Ilovereading_, del Blog Petrichor che vi invito a seguire calorosamente anche alla sua pagina fb.  Finalmente sono riuscita a consegnare il report (oddio sono terrorizzata dal risultato) e posso postare. Mi dispiace di non essere presente come vorrei, ma sono contenta di riuscire comunque a portare avanti questa piccola rubrica che ho creato con la mia mitica collega e condividere con voi le cover che mi colpiscono… Sono molto orgogliosa quindi di presentarvi il nostro meme:

 

 

Di cosa si tratta? Cover Lovers: La copertina che ci ha fregato questa settimana è una rubrica che ci permette di presentare la copertina che di settimana in settimana ci ha indotte ad aderire ad un Blog Tour, richiedere un ARC, o semplicemente comprare un libro. In definitiva, la copertina che solo guardandola ha fatto aggiungere un libro (o due) alla lista delle cose da leggere.

 

***************

 

Eccoci qui con un nuovo appuntamento di questa rubrica, una mia piccola creatura che mi ha unito ancora di più all’unica e sola @ilovereading_. Sono un po’ di fretta, anche questa settimana ma ormai non credo di dover aggiungere molto altro sulle cover. Sapete bene che me ne lascio incantare con la rapidità di un lampo. Ecco che allora questa di quella settimana è davvero fenomenale, se non fosse stato per la cover non avrei MAI richiesto il libro su Netgalley. Si tratta di “The Butterfly and the Violin” by Kristy Cambron.

E vediamola subito questa cover:

 

 

Mi ha subito incantato per le tonalità pastello, il profilo in primo piano, i fiori rossi e quella mezza farfalla a sinistra. Per non parlare dell’espressione della ragazza. Anche il font del titolo non mi dispiace, anche se è molto essenziale. Ma come si fa a non innamorarsi di una cover del genere?

 

Ma di cosa parla il libro?

E poi venne la guerra…

“Oggi.” Sera James trascorre la maggior parte del suo tempo ad organizzare aste per la cliente d’elite del mondo dell’arte. Quando la sua ricerca per scoprire un ritratto originale della vittima sconosciuta dell’Olocausto la porta da William Hanover III scoprono che questo dipinto è più di quel che sembra.

"Vienna, 1942." Adele Von Bron ha sempre saputo cosa ci si aspettava da lei. Un prodigio nella vasta eredità musicale di Vienna, questa violinista concertista intende portare avanti la tradizione di famiglia e suonare con l’orchestra filarmonica di Vienna. Ma quando i Nazisti scoprono che aiuta gli ebrei a scappare dalla città, Adele è portata via dal suo promettente futuro e trascinata nell’orribile mondo di Auschwitz.

Il velo dell’innocenza è alzato per esporre la presenza del male e Adele si accorge che il dono datole da Dio è il suo solo vantaggio, deve suonare. Diventa un membro dell’Orchestra di donne di Auschwitz e combatte per sopravvivere. Le mura di filo spinato di Adele iniziano ad uccidere la sua speranza mentre i mesi passano e trascorre quasi due anni nel campo. Con un coraggio sorprendente contro il muro degli assassini e della disperazione, Adele finalmente affronta una domanda che si porta nel cuore: anche nel mezzo del male, può trovare la speranza di amare Dio con il suo dono?

Mentre Sera e William imparano sul soggetto del misterioso ritratto – Adele – si ricordano che nonostante siano molti gli orrori da affrontare, la fede in Dio non fallisce mai.

 

Francamente non è proprio il mio genere di libro, ma quello dell’Olocausto è un tema a me molto caro, e spero davvero di trovare un po’ di tempo di dare una chance reale al libro…

E voi? Da che libro vi siete lasciati incantare questa settimana? Ditemelo in un commento…

DIVERGENT READ ALONG #4: Dal capitolo 31 al capitolo 39

 

 

Sono qui per scrivere l’ultimo recap del nostro adorato #PPDivRA, il “DIVERGENT READ ALONG” che posso dire con un certo orgoglio è stato un vero e proprio successo. Sono onoratissima non di averlo organizzato, ma di aver avuto così tanta partecipazione e delle ragazze davvero meravigliose che hanno contribuito a rendere questa esperienza grandiosa come non mi sarei mai immaginata. Sono attonita sia per il livello di partecipazione sia per tutto quello che ha comportato. Rileggerlo con voi mi ha aiutato a prepararmi al film, mi ha ricordato quanto mi fosse piaciuto “Divergent” e ha aperto le porte a nuove amicizie e ne ha consolidate altre, nonché ha aperto le porte al fangirlismo più puro per THEO JAMES. Penso davvero che gli fischino le orecchie per tutte le volte che è stato citato dal nostro gruppo.

 

 

Credo che in un qualche modo assurdo il nostro gruppo venga rimodellato giorno dopo giorno anche e soprattutto dalle letture collettive. Fino ad ora non mi è capitato mai di sentire voci deluse o non soddisfatte, annoiate o desiderose di scappare. Chi si è unito a noi ritorna anche in seguito, o se non può resta in qualche modo legato al nostro gruppo. Penso sia davvero la cosa più meravigliosa dell’esperienza, quella dell’unità, del costruire il gruppo, di vederlo espandersi e condensarsi intorno alla lettura. Io posso aver dato il via alla cosa, ma alla fine non ho fatto altro che dare un modo alle ragazze di esprimersi.

Di questo RA mi rimarranno in mente molti ricordi, sia perché mi ha accompagnato nel mio primo mese a Bruxelles, sia perché è il primo che gestisco insieme ad un’altra persona. L’aiuto che @ilovereading_ mi ha regalato è incommensurabile. Senza di lei non ci sarebbe stato niente di tutto questo, di certo non avrei mai pensato di iniziare questa avventura nel pieno del trasloco in un paese straniero con tutto quello che comportava iniziare una nuova avventura. Ma sono felicissima di averlo fatto perché per me il RA è un iniziativa fondamentale che per me significa tantissimo. Davvero, sono felicissima.

Sono quindi d’obbligo i ringraziamenti… in ordine alfabetico come al solito:

- @CaterinaVacchi una delle new entry di questo RA con una nuova carica, con nuove idee, con una personalità interessante che spero diventi un componente solido del gruppo. Spero davvero di riuscire ad approfondire il rapporto con lei, perché credo che sia una persona splendida.

- @ilovereading_ senza la quale tutto questo non sarebbe stato possibile, una blogger eccezionale, una collega adorabile e una persona su cui contare sempre. Grazie per le chat, le chiacchiere, i consigli, la pazienza, il sostegno, la verità di una realtà come il suo blog, PETRICHOR che è davvero fantastico

- la mitica @Imma_Er membro super storico del gruppo senza la quale non sarebbe la stessa cosa, con la sua simpatia, il suo amore per le romance, per cui ne suggerisce di fantastiche che non dovrebbero stare in lista, è una di quelle persone che anima il gruppo senza che in realtà faccia niente di eccezionale, solo esserci è già tantissimo.

- @Karenzi che io ADORO letteralmente, senza la quale molto spesso mi sentirei persa. Una di quelle persone meravigliose che ci sono sempre senza imporsi, con cui parlare liberamente di qualsiasi cosa. Davvero, sono fortunatissima ad averla conosciuta, ringrazio sempre chi l’ha messa sul mio cammino. Grazie anche per questo RA

- @Kiadalpi una ragazza dolcissima, sempre puntualissima, che ha sempre una parola buona per me e che ha contribuito a rendere questo gruppo più unito e spensierato, generosa e adorabile, un grandissimo grazie anche a te. Anche se parliamo poco so che posso contare su di te. Grazie chicca.

- My wife @Kikkasole cosa posso dire? Cosa farei senza di te? Ti penso sempre e so che ci sei, passano i giorni e sono così fortunata ad averti nella mia vita. Penso ai mesi passati, ad un anno fa, quando è cambiato tutto e sono così profondamente grata, e viva e piena e… GRAZIE. Davvero non ho parole per esprimere quanto sono fortunata e quanto ti amo. Per non parlare dello straordinario lavoro che compie su TESTA E PIEDI TRA LE PAGINE DEI LIBRI.

- @Medormad oh mio Dio che cosa posso dire su di te Stefi? Cosa? Grazie di tutto, per il bellissimo regalo top secret, per le risate, gli apprezzamenti, il sostegno, la tua costante presenza. Averti nella mia vita è davvero un dono e so che ci conosciamo appena, ma davvero ti considero un’amica. Grazie per esserci stata anche in questa avventura.

- @Mirya_76, la nostra adorata prof, io continuo ad essere stupefatta di trovarti tra le mie iniziative perché davvero non me lo aspettavo, io soffro di una forma acuta di fangirlite nei tuoi confronti, sapere che credi in quello che faccio a tal punto da partecipare è un onore che non mi sarei mai aspettata e che sfoggio con orgoglio. Davvero grazie di esserci.

- mia dolcissima @Rac_84 altro membro storicissimo a cui mi sono affezionata tantissimo, senza la quale i RA non avrebbero mai lo stesso sapore. Saperti mia amica è una delle cose che più mi consolano e sono davvero lusingata di averti al mio fianco anche in altre occasioni, nella vita privata, nella condivisione delle nostre esperienze. Davvero grazie! E naturalmente complimenti per RACHEL’S HEART devo provare qualche ricetta ora che ho iniziato a cucinare…

- @Readinprogress che riesce a portare allegria ovunque vada e fondatrice ufficiale del fan club, ancora informale, dedicato a Theo James, grazie per aver partecipato nonostante i tuoi impegni, compreso il blog READ IN PROGRESS

- la mia straordinaria BBB @Sily85 senza la quale mi sentirei persa, che davvero è una costante della mia vita, che mi consola, mi incoraggia, c’è davvero con la sua spensierata allegria, ma anche le sue battute mozzafiato, con la sua spumeggiante personalità e il suo unico modo di vedere il mondo. Sono davvero felicissima di condividere un pezzo di me con te. GRAZIE GRAZIE GRAZIE per aver trovato il tempo di partecipare a questo RA, ti adoro

- l’unica @SpeziaC, una delle mie followers più scatenate, ma spero che diventerà qualcosa di più perché davvero l’adoro. Grazie per aver reso questo RA meraviglioso, grazie per i tuoi commenti, per il tuo esserci, per il tuo essere straordinariamente presente, per il tuo fangirlare sulle distopie, per riempirmi di mi piace e di allegria, per le nostre chat, davvero sono felicissima di averti avuto per la prima volta con noi… spero di averti con noi anche nel prossimo.

- @Sunshinepol la cuginetta di Med l’ultima new entry, spero che ti sei trovata bene, grazie per aver partecipato e per esserci, per aver contribuito e per aver sostenuto questa iniziativa. Spero davvero di vedere anche te nel prossimo… GRAZIE!

 

 

Dopo il momento commozione, vi giuro che stavolta ho pianto come una fontana vi voglio lasciare questa, che è una canzone di THEO JAMES, si perché il nostro Theo canta, e canta da Dio, con quella sua VOCE ORGASMICA!

L’APPROFONDIMENTO

 

Vi ricordo come al solito di volare sul blog di @ilovereading_ PETRICHOR per leggere il suo approfondimento.

Questa settimana parla del messaggio di DIVERGENT, la serie, INSURGENT & ALLEGIANT, dei racconti che parlano della vita di FOUR prima dei fatti di DIVERGENT e non solo e del film, che naturalmente è uscito il 3 aprile e che di sicuro ha fatto molto discutere i fan della serie.

 

 

 

E ora finalmente vi lascio al recap settimanale… come al solito NON POSSO GARANTIRE lo SPOILER FREE perciò avvicinatevi al post con cautela. Buona lettura guys!

 

***********

 

Dal capitolo 31 al capitolo 39: Un piccolo riassunto

Tris ormai ha terminato la sua iniziazione e le conseguenze del piano mosso dagli Eruditi stanno per aver luogo. La ragazza non solo deve nascondere la sua condizione, deve anche salvare degli innocenti. Mentre le scelte difficili si moltiplicano, Tris non è sola ad affrontare una battaglia che è solo l’inizio della guerra…

 

***********

 

Dal capitolo 31 al capitolo 39: I nostri commenti su Twitter

Io

Do ufficialmente il via all’ultima settimana del #PPDivRA… buona lettura guys! A stasera per il recap!

La premiere londinese di DIVERGENT… dico solo: Theo James!!!! #PPDivRA… http://fb.me/3szmIOBzg

#PPDivRA OMG OMG OMG! Oggi ho visto il manifesto vicino casa mia… qui in Belgio esce il 2 aprile! http://fb.me/3Fj8tnJeG

I am kinder than I seemed in training. I promise #PPDivRA

"Are you asking me to undress, Tris?" A nervous laugh gurgles from my throat. "Only…partially" #PPDivRA

 

@Imma_Er

“Are you asking me to undress, Tris?” A nervous laugh gurgles from my throat. “Only…partially.” #PPDivRA

"I want to be brave, and selfless, and smart, and kind, and honest.” #PPDivRA

"My entire body is alive with energy. I squeeze his hand, and he squeezes back. He is awake. I was right." #PPDivRA

“You’re my daughter. I don’t care about the factions.” #PPDivRA

“I know about them because I am one.” Anche la mammaaaa!! #PPDivRA

"I am not Abnegation. I am not Dauntless. I am Divergent. And I can’t be controlled." #PPDivRA

She smiles. “Be brave, Beatrice. I love you.”  #PPDivRA

“That is good,” he says, sounding strained. “A good death.” =( #PPDivRA

"I reach out and rest my hand on his chest so I can feel his heartbeat. At least his heartbeat is still him." #PPDivRA

“I couldn’t do that,” I say. “It would have been like shooting myself.” #PPDivRA

I suppose that now, I must become more than either. #PPDivRA

 

@CaterinaVacchi

“Va bene» si dichiara alla fine. «Allora… ti amo.»” #PPdivRA

“Sono morte… oppure si stanno risvegliando trasformate in assassini. Dove saranno ora Christina e Tori” #PPdivRA

“Come hai fatto?» gli chiedo.

«Non lo so. Ho solo sentito la tua voce.” #PPdivRA

“Potrò essere perdonata per tutto quello che ho fatto per arrivare fin qui?

Non lo so. Non lo so.

Per favore” #PPdivRA

“Mio padre dice – diceva – sempre che sacrificarsi per gli altri è un atto di potere” #PPdivRA

“Papà.» Volevo che fosse un grido, ma è solo un sussurro. #PPdivRA

Quando si ha bisogno di aiuto, non c’è posto migliore di una stanza piena di Abneganti. #PPdivRA

La scena della madre è sicuramente una delle migliori di tutto il libro. #PPdivRa

“È vestita come mia madre e sembra mia madre, ma ha in mano una pistola; e quello sguardo determinato nei suoi occhi mi è estraneo” #PPdivRA

“È del tutto naturale. Improvvisamente sono contenta di aver sparato a Eric al piede invece che alla testa.” #PPdivRA

“È più una macchina che una squilibrata. Identifica problemi ed elabora soluzioni sulla base dei dati che raccoglie” #PPdivRA

“«Ribelli Divergenti» dice Eric, reggendosi su un piede solo. Ha la faccia di un bianco cadaverico. «Gettate le armi” #PPdivRA

“Non ho più voglia di ridere ora, voglio solo guardarlo.” #PPdivRA

“Voglio che mi baci, lo voglio sul serio, ma ho anche paura di dove i suoi baci ci porterebbero.” #PPdivRA

 

@Sily85

Devo leggermi i post del #PPDivRA di sta settimana!! @anncleire e @ilovereading_ speriamo non entri nessuno in negozio! XD

"I try to throw flames from my eyes" XDDD #PPDivRA

"We believe in bravery. We believe in taking action. We believe in freedom from fear and in acquiring the skills to force the bad out of our world so that the good can prosper and thrive. If you also believe in those things, we welcome you." #PPDivRA

"He is awake. I was right." … #PPDivRA

"All the Abnegation will die if this continues." #PPDivRA

"My index finger hovers over the trigger." cazzarolaaaaaa #PPDivRA

"Your powers of deductive reasoning are stunning, consider me awed." #Four  #PPDivRA

"She is more machine than maniac." e forse è pure peggio… #PPDivRA

"She is dressed like my mother and she looks like my mother, but she is holding a gun…" #PPDivRA

"You’re my daughter. I don’t care about the factions." #PPDivRA

"It means that no matter what the do, we will always cause trouble for them" #PPDivrRA

"Be brave, Beatrice. I love you." ç_____ç #PPDivRA

"My blood cries out that it belongs to her, and struggles to return to her, and I hear her words in my mind as I run, telling me to be brave." #PPDivRA

"It was him or me. I chose me. But I feel dead too." no vabbè daiiiiii!!!!!!!!! #PPDivRA

"Cold slips over my skin and around my heart and into the pit of my stomach… He isn’t a sleepwalker." …. ugh. #PPDivRA

"People tend to overestimate my character… they think that because I’m small, or a girl, or a Stiff, I can’t possibly be cruel. But they’re wrong." #PPDivRA

"Dad" I say. I meant for it to be a shout, but it is just a wheeze." depressioneee… #PPDivRA

"At least his heartbeat is still him." #loveFour #PPDivRA

"Hey. Get away from him." I feel Tobias’s breaths against my neck; they come in sharp bursts… #PPDivRA

"The cruelty of fate is that I must travel with the people I hate when the people I love are dead behind me." #PPDivRA

"They died for me" "They loved you. To them there was no better way to show you." #PPDivRA

"I might be in love with you… I’m waiting until I’m sure to tell you, though." #PPDivRA

4 of 5 stars to Divergent by Veronica Roth http://bit.ly/1ifj6JG

 

@Kiadalpi

#PPDivRA  “Tu sei mia figlia. Non me ne frega niente delle fazioni.”

#PPDivRA la mamma Divergente!!

#PPDivRA “«Tris» dice, ed è di nuovo lui.” amoreeeee **

#PPDivRA “«Va bene» dichiara alla fine. «Allora…Ti amo.» ” Oddio piango..

#PPDivRA finito :)

 

@Karenzi

#PPDivRA Io non voglio commettere lo stesso sbaglio: voglio essere coraggioso, e altruista, e intelligente, e gentile, e onesto.

#PPDivRA ci vuole una volontà forte per manipolare una simulazione

#PPDivRA comandare un esercito controllando la mente dei soldati…quello vuol dire avere una volontà debole.

#PPDivRA è più una macchina che una squilibrata. identifica problemi ed elabora soluzioni sulla base dei dati che raccoglie.

#PPDivRA a volte ci vuole più coraggio per affrontare una morte che si si inevitabile che per combattere.

#PPDivRA il mio sangue grida perchè le appartiene e vuole tornare da lei.

#PPDivRA toccava a lui o a me. ho scelto me, ma mi sento morta anch’io.

#PPDivRA è stata (coraggiosa) perchè l’ha fatto senza annunciarlo, senza esitare esenza prendere neanche in considerazione altre possibilità

#PPDivRA per metà il coraggio è questione di prospettiva.

#PPDivRA da qualche parte dentro di me una voce maligna ripete cantilenando: Cadi, cadi, cadi.

#PPDivRA ..sacrificarsi per gli altri è un attimo di potere. giro la pistola e la metto in mano a Tobias.

#PPDivRA come hai fatto?…non lo so. ho solo sentito la tua voce.

#PPDivRA gli occhi di Marcus seguono avidamente i miei movimenti. Non siamo al sicuro, penso. Per niente.

#PPDivRA rileggere gli ultimi cap di Divergent, mi fa apprezzare ancor meno il film…

 

@SpeziaC

ho deciso di fare la persona seria. mi butto su Insurgent e una volta finito su Allegiant. #ppdivra e stasera vado a vedere il film!

E dato che ieri sera ho finito divergent faccio la personsa seria e inizio insurgent!  #ppdivra

"«Forse sono innamorato di te.» Sorride un po’. «Aspetto di esserne sicuro per dirtelo, comunque.»" l’ammmore! #ppdivra

"«Come hai fatto?» gli chiedo. «Non lo so. Ho solo sentito la tua voce.»" cari loro! #ppdivra

"Ha la stessa espressione di quando infila il filo nell’ago." #PPDivRA

"«Gli esseri umani non riescono a essere buoni per molto tempo, senza che il male si insinui di nuovo tra loro e li riavveleni.»" #PPDivRA

"È più una macchina che una squilibrata. Identifica problemi ed elabora soluzioni sulla base dei dati che raccoglie." #PPDivRA

"Ci siamo studiati a memoria l’un l’altra." aaaawwww!! #PPDivRA

"«Che cosa vuoi?» I suoi lineamenti si fanno tesi. «Me?»" eh.. #PPDivRA

"Non ho più voglia di ridere ora, voglio solo guardarlo." non posso farcela, giuro…che capitolo deleterio santo cielo. #PPDivRA

"«Mi stai chiedendo di spogliarmi, Tris?»" A me di sicuro non dispiace. stasera sono troppo eccentrica… #PPDivRA

"Non è solo paura, è anche qualcos’altro. Desiderio." te lo ripeto. sbattilo contro un muro e limonalo! #PPDivRA

"Voglio che mi baci, lo voglio sul serio, ma ho anche paura di dove i suoi baci ci porterebbero." FATTELO! subito! #PPDivRA

"«Che cosa mi aspetto da questo» ripete lui, poi fa un passo indietro, scuotendo la testa. «Sei un’idiota, Tris.»". #PPDivRA

bon. lasciatemi in pace adesso. mi metto a leggere! #PPDivRA

 

@Readinprogress

'Sei un'idiota, Tris' Uè, ciccio, keep calm! #PPDivRA

'Mi stai chiedendo di spogliarmi, tris?' Mica è colpa sua se i tatuaggi li hai sulla schiena! Su TUTTA la schiena! Maschi! #PPDivRA

#PPDivRA ‘Penso che abbiamo fatto un errore. Abbiamo tutti cominciato a criticare le virtù delle altre fazioni nello sforzo di valorizzare la nostra. Io non voglio commettere lo stesso sbaglio: voglio essere coraggioso, E altruista, E intelligente, E gentile, E onesto’

'Non funziona così. Se ti liberi di una cosa negativa, un'altra andrà a rimpiazzarla.' #PPDivRA

Io odio Jeanine, ma Kate Winslet me la fa odiare di meno! Uffi! #PPDivRA

No, ma….SIA FATTA SANTA LA MADRE DI TRIS!!!!!!! TANTA STIMA PER LEI!!!!! #PPDivRA

'Mamma, tu eri un'intrepida' 'Si' Cioè ma io stimo questa donna!! #PPDivRA

#PPDivRa ‘Tu sei mia figlia. Non me ne frega niente delle fazioni. Guarda dove ci hanno portato. Gli esseri umani non riescono a essere buoni per molto tempo, senza che il male si insinui di nuovo tra loro e li riavveleni’

Sagge parole, mamma di Tris

#PPDivRA ‘Ma le nostre menti si muovono in dieci direzioni diverse. Noi non possiamo essere confinati in un solo modo di pensare, e questo terrorizza chi detiene il comando. Significa che non possiamo essere controllati. Significa che qualunque cosa facciamo, noi creeremo sempre problemi’.

Oh, meno male Quattro si è svegliato #PPDivRA

Jeanine a morte!!!! Subito!! Anche Peter e Eric, ovvio. A loro avrei sparato da un’altra parte, ma sarò signorina e non lo dirò :P #PPDivRA

'Come hai fatto?' 'Non lo so. Ho solo sentito la tua voce' Oooowwww tenero ?????????? #PPDivRA

'Divergent' è finito. Mi sento vuota. #PPDivRA

 

@SunshinePol

#PPDivRA ” So già perfettamente come si incastrano i nostri corpi, le sue braccia intorno alla mia vita, le mie mani sul suo petto, la pressione delle sue labbra sulle mie. Ci siamo studiati a memoria l’un l’altra.”

#PPDivRA “Toccava a lui o a me. Ho scelto me, ma mi sento morta anch’io.”

#PPDivRA “Non c’è più. Mi ha salvata.” Caleb chiude gli occhi e fa un respiro profondo. Papá rimane frastornato per un momento, poi si riscuote, abbassa gli occhi velati di lacrime e annuisce. “Questo è bene” dice con voce tesa. “Una bella morte.”

#PPDivRA “Credo di essere quello che sono sempre stata. Non un’Intrepida, nè un’Abnegante, nè un’Esclusa. Ma una Divergente.”

#PPDivRA “C’erano alcune cose che avevo bisogno di imparare.” “A essere coraggiosa, per esempio?” domanda tranquillamente mio padre. “A essere altruista” lo correggo. “Spesso sono la stessa cosa.”

#PPDivRA “Gli ho sparato alla gamba? No, quindi può camminare.”

#PPDivRA “Ha gli occhi lucidi di lacrime. Non ho mai creduto che avrei visto Tobias piangere. Mi fa male.”

#PPDivRA “Altri cinque secondi. Cinque secondi di debolezza e poi mi alzo. Uno, due. Tre, quattro.  Cinque.”

#PPDivRA “Sei quasi morta, oggi” sussurra. “Ti ho quasi uccisa. Perché non mi hai sparato Tris?” “Non potevo. Sarebbe stato come sparare a me stessa.”

#PPDivRA “Forse sono innamorato di te.” Sorride un po’. “Aspetto di essere sicuro per dirtelo, comunque.” Awww

#PPDivRA “Forse sono già sicuro” ammette. “È solo che non voglio spaventarti.” Ridacchio. “Pensavo mi conoscessi meglio.” “Va bene” si dichiara alla fine. “Allora…ti amo.” Ri awwwwww

#PPDivRA “Non sono più Tris l’altruista, né Tris la coraggiosa. Immagino di dover diventare qualcos’altro, adesso. Qualcosa di più.”

#PPDivRA Ma ma ma…ho finito Divergent. Ma adesso come faccio?!?!? Voglio ancora Quattro e voglio ancora Quattro e Tris insieme.

 

@ilovereading_

#PPDivRA Per chi non lo sapesse, Theo ha fatto parte di una band sino all’anno scorso (sì, avete letto bene:… http://fb.me/2lEWaZDmD

#PPDivRA Non mi ero accorta di quanto fosse bella la copertina interna di Divergent! *_* pic.twitter.com/E05jUGBNDD   

#PPDivRA Un po’ di curiosità riguardo ai numeri e ai nomi presenti in Divergent! ;) http://fb.me/392bCfyHd  

#PPDivRA E dato che finalmente l’ho ritrovata, ecco la ricetta della torta degli Intrepidi! ;) http://fb.me/38p0rT99s

#PPDivRA Serie/Film a confronto XD http://fb.me/6Hge9r8gQ  

#PPDivRA Oggi esce in Italia il film di Divergent, chi lo andrà a vedere?

Che ne pensate del cast, ve li… http://fb.me/3Ks8JnqOw  

#PPDivRA Che brutto non poter dire: “Oggi inizia una nuova settimana”! Grazie mille a tutte per aver partecipato,… http://fb.me/34cunZ3Kr

 

************

Dal capitolo 31 al capitolo 39: La Discussione

- Tris nel finale, si ritrova a compiere delle scelte molto difficili, scelte che se da un lato la portano a salvare molti innocenti, dall’altro sono terribili. Che ne pensate?

Io – Tris non è la classica eroina da YA, forte, coraggiosa e altruista. Ma d’altra parte è la vera leader della situazione, e lo ha dimostrato in più di occasione (vi ricordate la sera del ruba bandiera?). Questo non la rende un personaggio facile con cui immedesimarsi, ma allo stesso tempo è interessante vedere come la Roth riesca a farla evolvere e a darle carattere. Con Four, nonostante sia il suo istruttore, c’è sempre un rapporto alla pari. Compiere scelte difficili è il compito di un vero leader, ciò che rende una persona degna è come accetta e abbraccia le conseguenze delle sue azioni, e in Insurgent lo vedremo. Non è mai facile scegliere tra ciò che giusto e ciò che è sbagliato o ciò che reputiamo giusto, ma in un certo senso ogni azione provoca una reazione, tutto sta a nell’esser pronti.

@Mirya_76 - Io ho raggiunto quell’età in cui sai che tutte le scelte sono difficili (anche cosa cucinare per cena) e tutte hanno conseguenze terribili (“Ma io volevo la carne…”), però non ti fai fermare, se ti sembrano le scelte giuste. Per come sono fatta io, Tris si fa un sacco di seghe mentali e dovrebbe concentrarsi su quelle fisiche, ma è ancora una ragazzina. Imparerà - quelle fisiche.

@Karenzi - mi è piaciuta molto Tris. nonostante tutta la sua insicurezza e la poca considerazione che aveva di sè, è riuscita ad andare avanti, a superare le difficoltà, ad affrontare le sue paure. ed alla fine, quando si è lasciati dietro i suoi genitori, oppure quando ha dovuto scegliere di togliere la vita al suo amico, beh, mi è piaciuta ancora di più. Ha mostrato una solidità che non pensavo ed un coraggio non indifferente.

@Imma_Er - Tris mi è molto piaciuta e per me è stata coraggiosa nelle scelte che ha fatto e si è notato molto il percorso di crescita svolto.

@Kikkasole - Tris mi è piaciuta, è forte e coraggiosa…è stata capace di ascoltare la testa e il cuore, tutto il suo percorso è stato di crescita e acquisizione di consapevolezza su stessa e il finale è lo specchio di questo percorso

@SpeziaC - penso che abbia un gran coraggio. Non solo perchè ha fatto quello che ha fatto, ma perchè dopo trova il modo di andare avanti. In un modo o nell’altro ci riesce. La stimo molto per questo.

@Readinprogress - Penso sia una ragazza coraggiosa e la ammiro per le scelte che ha fatto. Credo che, se fossi stata in lei, forse avrei fatto le stesse scelte, ma la realtà è diversa. Andrà avanti e spero usi il suo dolore e quello che hanno fatto per combattere al meglio delle sue forze.

@Rac_84 - Tris è stata molto molto coraggiosa, e ha avuto tanta forza di volontà per superare tutto ed andare avanti….. Ma anche tanta forza di volontà perchè non ha ucciso Peter… Io al posto della gamba gli avrei sparato in testa!!! Mentre ha avuto sangue freddo e ha ucciso il suo amico… Ha dimostrato determinazione!!!

@ilovereading_ - Come hanno detto altre ragazze prima di me, Tris è terribilmente coraggiosa (in particolare nel finale). Molto spesso mi sono chiesta se a volte la violenza cruda di libro di questo genere non possa essere “troppo” da leggere e da capire, poi mi basta tornare alla realtà e capisco come molti libri non sono altro che lo specchio di ciò che stiamo vivendo. Tornando a Tris, credo che il suo percorso (e quello delle persone accanto a lei) parli da sé: per salvare un gran numero di persone a volte è necessario qualche sacrificio (anche se si tratta della tua famiglia e dei tuoi amici).

@Medormad - temo che la mia forte antipatia per Tris mi impedisca di essere oggettiva e a tratti la percepivo quasi più mossa dal panico che da altro: ammetto che i suoi attimi di riflessione mandavano in confusione anche a me, che alla fine faticavo a capire la vera origine delle sue scelte… Eppure direi che un po’ si è mossa per “coraggismo” (sì, ho davvero unito coraggio e altruismo), ma non so dire se nascesse da lei o fosse alimentato dalla vicinanza della sua famiglia. Alla fine è un salvataggio di gruppo: senza il sacrificio dei suoi non saremmo arivati a quella fine. Coraggismo da tutte le parti! Yay! Però lei non la tollero. Mai. La devo tenere perché è parte della ship, ma continuo ad avere aperti i seggi in attesa che votiate per sostituire me in coppia con Four.

@Sily85 - Sono molto combattuta sul finale.. le scelte sono indubbiamente difficili e terribili e lei le ha affrontate con un distacco atroce che mi ha lasciata perplessa. Da un lato è da ammirare un coraggio e una concentrazione per “il bene superiore” così forte ma non so…boh non so come rispondere a questa domanda

@Kiadalpi - Tris alla fine ha fatto delle scelte coraggiose che dimostrano che è cresciuta nel corso del libro e che il suo carattere si sta definendo meglio

@Sunshinepol - Io non so se avrei il coraggio di compiere della scelte così, anche perchè per me anche solo scegliere cosa mangiare a pranzo o cosa mettermi la mattina diventa spesso un ostacolo insormontabile. Quindi compiere scelte da cui dipende la vita di più persone mi risulterebbe impossibile, probabilmente andrei in panico completo e mi nasconderei sotto il letto!

 

- Leggerete il resto della serie e/o altri libri di Veronica Roth?

Io – Io ho già letto tutta la trilogia, ma credo che se la Roth pubblicherà altri libri li leggerò sicuramente. Sono incredibilmente curiosa di come riuscirà a superare Divergent e gli standard che si è posta.

@Mirya_76 - Ho già letto Insurgent e sto leggendo Allegiant. Dunque, la risposta alla domanda è chiaramente no (perché sono una Divergente).

@Karenzi - ho già letto Insurgent e sto leggendo Allegiant. non ho voluto leggere nessuna recensione del terzo… ho capito che finisce male, ma non voglio privarmi della sorpresa.

@Imma_Er - Si, anche se non nell’immediato futuro, leggerò sicuramente gli altri libri della serie perché voglio sapere come va a finire.

@Kikkasole - Si leggerò il resto della saga, e siccome sono una deficiente a livelli inimmaginabili mi sono spoilerata il finale di tutta la saga ….e basta vado a comprare fazzoletti e cioccolata per consolarmi

@SpeziaC - ma certo! sto già rileggendo il secondo, e il terzo è già sul mio comodino ad attendermi! Per gli altri libri della Roth vedremo…immagino che dipenda tutto dalla trama del libro!

@Readinprogress - Certo che finirò la serie!! Voglio leggere anche gli speciali su Quattro

@Rac_84 - si certamente li leggerò il due libri successivi!!

@ilovereading_ - Decisamente si! Ormai mi manca solo Allegiant e poi aspetterò con ansia le short stories su Four.

@Medormad - Non so ancora dire se leggerò il resto della serie: io non amo i distopici, ma questo mi ha presa moltissimo. L’unico vero problema è che mi sono spoilerata accidentalmente un po’ di cose e, a differenza di altri, se so come va a finire, mi viene da mollare proprio il libro. Ma ti terrò aggiornata.

@Sily85 - Assolutamente sì! Anche solo per il meraviglioso Four

@Kiadalpi - leggerò sicuramente il resto della serie.. Magari intervallando I libri con qualcos’altro però..

@Sunshinepol - Penso che probabilmente leggerò anche il secondo e terzo libro perchè voglio leggere ancora di Quattro. Solo di lui e di come si evolve il rapporto con Tris.

 

- Avete visto il film di Divergent? Che ne pensate?

Io – Si l’ho visto, francamente mi aspettavo di più. Nessuno dei personaggi è stato all’altezza della mia fantasia, e sarò troppo perfezionista ma i cambiamenti rispetto al libro sono stati troppi e difficili da mandare giù. Ammetto che si tratta di un film spettacolare e ben riuscito, se si vede nell’ottica del cinema, ma una pessima trasposizione di film.

@Mirya_76 - Non ho ancora visto il film ma mi preparo, come tutte le volte che vedo un film tratto da un libro, a passare il tempo a dire: “no, no, no, no, forse… ma anche no. Oh, aspetta, un paio di addominali… ma comunque no.” E siccome sei una donna fortunata, tu ti subirai tutto questo.

@Karenzi - uhm, tasto dolente. mi piacerebbe che una volta ogni tanto utilizzassero come copione il libro, invece di affannarsi a modificarlo. chi ama il libro, vorrebbe vedere una rappresentazione visiva di quello che ha letto, non l’interpretazione del regista, sceneggiatore…quindi, sì, sono rimasta delusa! ma ormai mi stupirei del contrario…

@Imma_Er - Non ancora ma spero di rimediare presto!!

@Kikkasole - Il film non l’ho ancora visto, sto facendo fare esercizi spirituali al mio fegato -.-

@SpeziaC - vado a vederlo stasera con l’uomo barbuto di fianco e borbottante ad ogni mezza inquadratura di Quattro mezzo nudo. Me lo deve però..io l’ho accompagnato a vedere Lo Hobbit 1 e 2!

@Readinprogress - Non l’ho visto e non vedo l’ora di vederlo!! Devo solo trascinare i miei amici

@Rac_84 - non ancora ma domani finalmente ci vado!!!!!! E speriamo bene!!!!!!!!

@ilovereading_ - L’ho visto e ho cercato di apprezzarlo, come film a sé stante. Forse il fatto di conoscere così bene Divergent e averlo riletto da poco non ha aiutato molto. Devo dire che mi sono piaciuti gli attori, ma

si poteva fare un lavoro molto più vicino al libro a dirla tutta.

@Medormad -  Film visto. Come ho detto su FB: “Per me è no…”.

Qualche punto positivo ce l’ha anche lui, poveraccio (fotografia e effetti speciali) e, per chi non ha letto il libro, ha un senso, ma io ho trovato quasi tutto sbagliato: dalla scelta del cast, alla selezione delle scene da inserire e quelle da eliminare (mancano passaggi che nel libro sono cruciali), alle tante odiate “modifiche”. Non è tra i peggiori adattamenti, ma no, no, no.

@Sily85 - Non ho ancora visto il film ma spero di riuscire ad andarci presto… ho sentito pareri discordanti quindi spero non rimanerne delusa!!

@Kiadalpi - Non ancora.. Settimana prossima però credo proprio di andare.. Non vedo l’ora

@Sunshinepol - Il film non l’ho ancora visto e sicuramente non lo vedrò al cinema. Se riuscirò a ritagliare del tempo me lo guarderò una sera a casa, ma non sono sicurissima!

 

Spero che vi siate divertite almeno quanto me… sulla mia pagina fb potete votate il libro del prossimo RA…

Alla prossima! :*********

 

 

COVER REVEAL: Evolution: Sage (The Evolution #2) by Starla Hutchon

Oggi sono qui per presentarvi la copertina del secondo volume di una serie allucinante, di cui vi parlerò presto, perchè è il prossimo libro che ho in programma di leggere. Sto parlando di “Evolution: SAGE” di Starla Hurchon, che segue direttamente “Evolution: Angel” uscito lo scorso marzo, una nuova serie new adult, romance, che parla di supereroi.

Ma guardiamo subito questa copertina:

 

 

Di cosa parla?

Distrutta dalla sue scelte, Candance Bristol è sull’orlo di perdere tutto: la sua sanità mentale, la speranza, e tutto quello che pensava di essere.

Ma dalle ceneri nasce un nuovo scopo. Un nuovo nemico è emerso e ci vorrà tutta la sua forza per combattere questa nuova minaccia. Spezzato com’è, raccogliere i pezzi ed andare avanti potrebbe essere la battaglia più dura da vincere, ma deve scegliere tra il combattere o perdere quel poco che le resta. Tra i danni, brucia ancora la speranza. La scintilla di una fiamma risveglia qualcosa in lei che pensava fosse morto.

L’amore può spezzarti.

Ma può anche riportarti in vita.

 

In uscita il 6 maggio, si prospetta un favoloso secondo volume. Intanto potete leggere il primo, che è in offerta su Amazon.

 

 

 

Pronti per un piccolo estratto?????

Tre…

Due…

Uno…

 

Welcome home.

The emotions overwhelmed her as she slipped into the pool, sinking to the bottom.

Home.

Belonging.

Acceptance.

Comfort.

Candace didn’t know if she deserved to feel any of this, but there was no arguing with her connection to the water. It didn’t care about her mistakes. She had been missed.

She swam, moving back and forth through the water, soaking up more and more of the solitude and unexpected peace. Closing her eyes and floating, she turned inward, pushing past all of the hurt, all of the guilt, all of the loss, and drifted in a sea of calm. In the back of her mind, she knew this relief was only temporary. Eventually she would have to return to her other existence, the one where everyone wanted— expected— things from her.

Where she expected things from herself.

Jackson was right, of course. As much as she hated to admit it, his words were the slap in the face she needed. Once again, Candace was in his debt.

She frowned. There was a strange back and forth between them, an ever-shifting imbalance of helping one another. Funny, considering he was such a jerk otherwise. If he were consistently nice, maybe it wouldn’t sit with her so uncomfortably. As he ran more cold than hot with her, she never knew where she stood or what to expect. It was frustrating. Jackson Lawrence was not easily categorized or pinned down. Honestly, she couldn’t say with any amount of certainty whether or not she detested Jackson or kind of liked him, although the thought of liking someone as unlikable as him disturbed her on multiple levels. Did she have that much self-loathing that she’d attempt to spend more time with him?

She shivered. No. Definitely not. She more or less hated herself, but wasn’t about to hang around people who made her feel worse.

She took a breath and dove backwards, under the surface again. Life was too complicated. This was simpler. Maybe she could hole up here and no one would notice.

Swimming to the far end, she emerged at the side of the pool to catch her breath.

A crowd of people waited for her. She stared back at seven shocked faces.

“What?”

Jackson shook loose from the grasp of two armed soldiers. “Satisfied? She’s fine. Can I go now?”

“You’re still in trouble, Jackson. Shut the hell up.” True stepped to the edge and crouched down. “You scared us, sugar. What are you doing here?”

“Um… swimming?” Candace said. “Sorry. I didn’t know I wasn’t allowed.”

True shook her head and grinned. “Didn’t you hear the alarms? We’ve been looking for you for thirty minutes. Why didn’t you tell someone?”

Candace shot Jackson a sidelong look. “There was no one to tell.”

Amir Jones rubbed his face and sighed. “Yeah, we noticed.”

Dina was silent, but shifted nervously. Hector was also quiet, but looked more pissed than nervous.

“You all right, Candy Cane?” True asked. “If you want some company, I can suit up and—“

“No!” Candace interrupted. “God, no. Sorry, True, but all I really want is some peace and quiet without people constantly talking to me. No, I’m not okay. I probably never will be. But, holy hell, if I have to deal with one more day of everyone treating me like a broken doll I might actually consider drowning myself just to avoid it.”

True grimaced. “You know we’re all trying to help you, right?”

She sighed. “I know, I know. But, seriously. I can’t think with everyone hovering like this. I just… I can’t. I appreciate what you guys tried to do. Really.” She pushed back from the side, treading water. “No one else can fix me, True. I’ll figure it out.”

She dove under again, blocking out everything but her connection to the water. The next time she came up for air, they were gone.

 

Volete sapere qualcosa di Starla Huchton?

Una geek in più ambiti, Starla Hutchon ha creato storie in svariati generi fin dal 2007. Il suo primo romanzo, THE DREAMER’S THREAD è stato pubblicato come un podcast in format audiobook, e diventando un nominato doppio e finalista nel Parsec Awards del 2010. Dopo aver pubblicato una storia di steampunk, noir fantasy, e altri, ha pubblicato i primi tre libri della Romance Sci-fi “The ENDURE Series” nel 2013. Tutti e tre i libri che compongono la EVOLUTION series saranno pubblicati nel 2014, come pure un fantasy steampunk, MASTER OF MYTH (the Antigone’s Wrath series, book 1) che ha vinto il primo posto al Crested Butte Writers’ contest, The Sandy, nel 2012.

Quando non scrive, Starla allena tre Minions, un labrador nero e un marito militare mentre disegna copertine per autori indipendenti e pubblicisti in questo sitodesignedbystarla.com.

Dove trovarla:

Facebook  |  Twitter  |  Website